Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web, pubblicità. Iab Forum di Milano: le economie digitali valgono 53 mld

Diverse questioni sul piatto dello Iab Forum di Milano, con in testa la problematica dei bot riferita all’advertising online ma, soprattutto, l’importanza dell’economia digitale che oggi produce complessivamente 53 miliardi.
All’evento che riunisce i più importanti operatori pubblicitari sono stati anche resi noti i risultati dello studio condotto da EY che valuta le economie digitali circa 53 miliardi di euro, pari al 3,3% del PIL e di cui 2,36 vengono proprio dalla pubblicità via web. “Le aziende devono ripensare radicalmente i processi aziendali in ottica digitale – ha sottolineato a Milano il CEO di EY Andrea Paliani - facendo leva sulle opportunità offerte dalla tecnologia Big Data e IoT e aprirsi a nuove competenze che colleghino saperi differenti legati non solo alla psicologia della comunicazione ma anche alla statistica e all’IT”. La credibilità del settore digitale passa attraverso la regolamentazione del mercato pubblicitario e l’utilizzo di indicatori attendibili. L’advertising sul web è cresciuto nel 2016 del 9% con Google e Facebook che si aggiudicano il 68% degli incassi. Proprio per questo motivo, l’Audiweb sta cercando di migliorare la misurazione dell’audience con il piano di sviluppo Audiweb 2.0 e l’uso di strumenti sempre più sofisticati. Fatta eccezione per un inconveniente organizzativo (il sito dello Iab è stato hackerato il 29 novembre proprio in concomitanza della kermesse), l’edizione milanese del 2016 ha registrato un record di più di 15000 presenze e lascia in eredità strategie risolutive per affrontare le più delicate questioni del settore. (M.R. per NL)
08/12/2016 09:35
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
Dopo il calo dello 0,7% nel 2015, il perimetro delle concessionarie FCP-Assointernet lascia per strada un altro 2,3% nel 2016 chiudendo a 457,7 milioni di euro.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.