Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web. Twitter: il social non riesce a monetizzare

Twitter fatica a volare. Il noto social network sta attraversando un periodo di crisi in quasi tutti i settori: crescita pubblicitaria, numero di iscritti e ricavi finanziari, infatti, non vanno per niente bene.
Nell’ultimo trimestre del 2016, l’azienda ha registrato 717 milioni di dollari che vanno a scontrarsi con i 740 milioni previsti invece dagli analisti. Troppo ottimismo? Forse, ma è anche vero che nello stesso trimestre si è registrata una capitalizzazione pari a 119 milioni di dollari, ovvero 16 centesimi di dollaro per azione. Nonostante l’azienda lo scorso anno si sia attivata per ridurre ed ottimizzare le spese (riduzione del personale del 9 per cento, vendita della divisione di Fabric a Google e chiusura del servizio Vine), si evidenzia comunque una perdita netta di 167 milioni di dollari. Ma quali sono le problematiche che andrebbero risolte? Sicuramente quella legata alla crescita degli utenti iscritti al servizio, al quale inevitabilmente è collegato l’argomento pubblicità. Nel periodo ottobre-dicembre 2016, si è registrato un aumento degli utenti che si collegano ogni mese alla piattaforma di soli due milioni (in totale al momento se ne contano 319 milioni), dato che però gli analisti avevano già previsto senza alzare troppo le aspettative. Il fatto potrebbe essere collegato alla difficoltà che l’utente incontra nell’utilizzare la piattaforma social: occorre sapere cos’è un retweet, imparare ad usare un hashtag e a citare un tweet. La soluzione papabile potrebbe essere quindi quella di ricostruire il servizio rendendolo più semplice e chiaro. Ad una lenta crescita degli iscritti, si collega una netta diminuzione delle inserzioni pubblicitarie presenti su Twitter: gli inserzionisti hanno diminuito i loro investimenti promozionali sulla piattaforma. L’azienda dell’uccellino blu non viene considerata una valida soluzione per chi si occupa di advertising, che preferisce rivolgere i propri investimenti verso altre compagnie (Facebook e Google per esempio) che garantiscono un riscontro più cospicuo in termini di visibilità e di eterogeneità del pubblico (che consente più ampi margini di targettizzazione). Aumenta quindi la mole di lavoro per la compagnia del cinguettio che oltre al problema delle fake news, dovrà porre rimedio anche alle più stringenti questioni economiche. (L.M. per NL)
10/02/2017 10:58
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.