Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web
E' spesso in occasione delle immani tragedie che si verificano le reali potenzialità dei mezzi di comunicazione di massa in termini di concreta utilizzabilità per le popolazioni colpite dalle calamità.
 
La storica web company Yahoo! è stata venduta all’operatore tlc statunitense Verizon per 4,8 mld di dollari; l’acquisizione è probabilmente mirata ad un aumento di audience per gli spazi pubblicitari.
 

Autori e cantanti europei seguono l’esempio statunitense e scrivono alla Commissione Europea lamentando l’iniquità delle fee pagate da Youtube e della protezione offerta dal safe harbour; dal

 
Ottimi risvolti per Twitter Italia che ha quasi quadruplicato i ricavi nel 2015 rispetto all’anno precedente, passando da 1,1 a ben 3,9 mln di euro.
 
Il prossimo 14 luglio nell'ambito della Federal Communications Commission (FCC) verrà votata la proposta Spectrum Frontiers, con cui potrebbero essere assegnati alla tecnologia 5G fino a 14 GHz dello spettro radioelettrico.
 
In violazione con le norme del buon senso, oltre che della neutralità di rete, Agcom avanza, in seguito ad un’indagine conoscitiva, la proposta di imporre alle app di messaggistica un dazio da pagare agli operatori di rete, per il trasporto dei dati e l’utilizzo dei numeri di telefono.
 
Sembra proprio che tra i finanziatori del piano di Enel Open Fiber per la banda ultralarga, che potrebbe arrivare a valere 4 mld di euro, potremmo presto annoverare anche la Banca europea per gli investimenti.
 
"È vero ed emozionante il giudizio del presidente Pitruzzella sul Piano banda ultralarga come il processo di modernizzazione più importante nella storia del paese e assolutamente d'accordo con lui su una relazione molto profonda e sull'importanza dell'innovazione anche nelle telecomunicazioni: la presunta guerra tra Enel e Telecom é in realtá sana concorrenza.
 
Microsoft si appresta a comprare Linkedin. L'operazione è valutata in 26,2 miliardi di dollari. Lo riferisce il Wall Street Journal. L'accordo prevede che Microsoft paghi per il social media che mette in contatto professionisti 196 dollari ad azione.
 
Verizon, il gigante della banda larga e delle tlc Usa, punta dritto diritto verso Yahoo!. Sul piatto una succulente offerta da 3 mld di dollari per accaparrarsi le attività Internet del motore di ricerca.