Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Web
Con una lettera inviata a Renzi gli azionisti Telecom esprimono preoccupazione per il Piano di posa della fibra ottica di Enel. Paura per la coesistenza coi cavi elettrici.
 
Uno studio dell’Istituto tedesco Qualità e Finanza piazza Vodafone in testa in Italia per qualità di connessione. Ma guardando all’estero, i passi da fare sembrano ancora molti.
 
Jan Koum annuncia un miliardo di utenti raggiunti da WhatsApp che diventa l’applicazione di messaggistica più diffusa al mondo.
 
Sarà Mediaset ad occuparsi della raccolta pubblicitaria di Yahoo in Italia. L’accordo porterà i due brand alla creazione del primo digital media network in Italia. Intanto Yahoo chiude la sede nel nostro paese e licenzia 1.700 dipendenti.
 
Taglio del 15% dell’organico su scala globale, chiusura di cinque sedi nel mondo (tra le quali Milano), cessione degli asset non strategici: questi sono solo alcuni dei punti chiave del piano di rilancio annunciato dall’AD di Yahoo, Marissa Mayer, subito dopo la presentazione dei dati finanziari dell’ultima trimestrale, che hanno portato alla luce tutte le difficoltà della società californiana.
 
Il colosso dei social non si arresta e continua a sfornare idee volte a trattenere gli utenti sulla piattaforma, ancor più di quanto già faccia.
 
Nella giornata di ieri, la Guardia di Finanza di Milano ha notificato a Google un verbale relativo ad una presunta evasione fiscale, stimata in 227 milioni di euro, su una base imponibile di 300 milioni.
 
La maggior parte degli utenti delle testate online arriva passando attraverso Google o Facebook; il primo però raggruppa anche visite derivanti da ricerche specifiche e il secondo porta in alcuni casi a pratiche poco corrette e non dà garanzia di lettura ad ogni condivisione.
 
Stando ai dati riferiti a novembre di audiweb le testate online risalgono leggermente la china grazie soprattutto al mobile, almeno per chi asseconda adeguatamente il trend.
 
Sempre più portali investono nel live streaming; dai social come Facebook e Twitter, passando da portali specializzati come Twitch.tv e canali per eventi come quello di Youtube il segmento attira sempre più utenti.