Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Accordo di collaborazione fra Teche RAI e Fondazione Montanelli
In occasione dell’apertura della mostra “Montanelli, la vita, le opere, i luoghi”, per i 100 anni dalla nascita del giornalista, viene firmato oggi a Fucecchio l’accordo di collaborazione fra la Rai e la Fondazione Indro Montanelli. La Direzione Teche cederà alla Fondazione i materiali dell’archivio televisivo relativi a Montanelli, che ammontano a oltre 250 ore, mantenendo alla Rai tutti i diritti di trasmissione e commercializzazione, mentre la Fondazione potrà utilizzare i video a fini di studio, contribuendo anche alla documentazione di quella parte di materiali non ancora catalogati. L’accordo si inquadra nell’ambito dell’attività istituzionale delle Teche Rai, che hanno già da tempo in atto collaborazioni analoghe con la Fondazione Enzo Biagi, la Fondazione Giorgio Almirante, l’Osservatorio contro le mafie dell’Associazione Libera, il Premio Ilaria Alpi. “Queste collaborazioni con le istituzioni culturali” - sottolinea Barbara Scaramucci, responsabile delle Teche Rai - “sono una dimostrazione tangibile dello specifico ruolo di servizio pubblico della nostra azienda e contribuiscono sempre più spesso ad arricchire mostre, rassegne, centri di cultura e di ricerca e sono utilizzate anche da corsi scolastici e universitari”. Il materiale riguardante Montanelli, che contribuisce a far conoscere aspetti meno noti del grande giornalista toscano e un suo specifico televisivo spesso dimenticato, è costituito da numerosi servizi dei telegiornali, da programmi realizzati da Montanelli come autore televisivo e da programmi con la sua partecipazione nei più diversi ruoli, da intervistatore a intervistato, testimone, storico, polemista. In particolare, come è stato possibile vedere nelle otto puntate dedicate a Montanelli trasmesse da Rai Sat Premium e realizzate in collaborazione con le Teche, ci sono trasmissioni degli albori della televisione, come “Gli italiani sono fatti così” del 1957, con un Montanelli autore di caustiche inchieste sui vizi degli italiani famosi, c’è il celebre confronto fra Montanelli e Biagi in “terza B facciamo l’appello” del 1971, c’è l’indimenticabile serata di Montanelli con Beniamo Placido del 1994, “Eppur si muove”. E ci sono documentari straordinari di denuncia sui guasti apportati al patrimonio artistico e alle bellezze naturali del nostro paese negli anni’60, compresa una emozionante inchiesta sul dopo alluvione a Firenze.
22/04/2009 17:26
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.