Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Adeguamento emissioni in VHF a Piano Nazionale Ripartizione Frequenze: oggi riunione al MSE-Com

Si terrà oggi alla DGPGSR del MSE-Com una nuova riunione (la precedente risale al mese di febbraio u.s.) tesa a verificare lo stato dell'arte degli interventi di adeguamento delle attuali canalizzazioni in banda III VHF allo standard europeo. Sull'argomento ricordiamo che la nota 87 del Piano Nazionale Ripartizione Frequenze prevede che entro il 30 giugno 2009 tutte le assegnazioni a stazioni di radiodiffusione televisiva nella banda 174-230 MHz debbano uniformarsi alla canalizzazione europea, che prevede otto canali contigui a 7 MHz (canali da 5 a 12). La questione è nota, soprattutto, per aver determinato la soluzione al caso Europa 7, attraverso, appunto, la contestata assegnazione del canale VHF 8 (sono pendenti ricorsi al TAR promossi dalla stessa emittente e da alcuni network provider DAB-T).

16/03/2009 10:49
 
NOTIZIE CORRELATE
Sulle vicende di Europa 7, rete nazionale comparsa dal nulla nel 1999, quando ottenne il titolo concessorio - caso unico in Italia - in assenza di frequenze su cui trasmettere (non essendo figlia del censimento del 1990), ci siamo a lunghi dibattuti su queste pagine.
Il caso Europa 7 tiene ancora banco, almeno nelle aule giudiziarie. Se l'infatti il network romano sta vivendo una situazione difficilissima sul piano economico, con la rete di diffusione in default, la UE ha rilevato come il nostro paese non abbia ancora risolto la vicenda che la coinvolge da 15 anni.
Il Tribunale di Roma ha accolto la domanda di concordato preventivo presentata il 2 luglio scorso da Centro Europa 7, il network provider che veicola la "tv che non c'è" di Francescantonio Di Stefano.
Con nuovo parere reso in data 10/10/2013 a riguardo dell’estensibilità a casi analoghi a quello disaminato della decisione assunta dal TAR Veneto (cfr. articolo di approfondimento del 03/09/2013), la D.G.P.G.S.R. del Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento Comunicazioni è tornata sull'argomento.
Con circolare in data 14/03/2013, la Direzione Generale per la Pianificazione e la Gestione dello Spettro Radioelettrico del Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento Comunicazioni è intervenuta sulla problematica dell'identificazione della provenienza dei segnali DTT in occasione di misure interferenziali.