Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Adiconsum: sul canone, una polemica puramente politica, inutile e fuorviante per i consumatori
"Il canone è una tassa di possesso, non è legata al palinsesto Rai. Il mancato pagamento non solo comporta sanzioni, ma, se reiterato, comporta l’emissione di un decreto ingiuntivo".
"Adiconsum è fortemente preoccupata per le polemiche politiche sul canone RAI che finiscono con l'illudere i consumatori". Scrive l'associazione di consumatori: "Spingere gli utenti a non pagare il canone è scorretto e fuorviante se al contempo non si dice che il c.d. canone è per legge una tassa di possesso del televisore, non di abbonamento alla RAI. Non dirlo significa soprattutto spingere i consumatori verso una violazione di legge e quindi esporli a decreti ingiuntivi per il recupero e l'aggravio dei costi del canone. Adiconsum auspica che si focalizzi l'attenzione piuttosto sui costi che le famiglie italiane stanno affrontando e affronteranno per poter accedere ai programmi RAI".
29/09/2009 21:10
 

Tutto vero ma....

Ciò che auspica Adiconsum è corretto ma al momento credo che delle famiglie italiane e degli aggravi economici cui andranno incontro, anche solo per l'acquisto di un ulteriore decoder, non interessi nulla al Governo; piuttosto l'attenzione è focalizzata sul siluramento della RAI mediante una scorretta campagna di disinformazione che si protrae da troppo tempo. Ad esempio in tv nessuno parla dei 120 milioni di euro di contratti pubblicitari fatti sviare dalla RAI verso il biscione.....
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.