Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
ADUC: "La Rai impedisce ai cittadini di disdire il canone-tassa. Come difendersi e combattere arroganza e illegalità"
"La Rai, insieme all'Ufficio delle Entrate, sta di fatto impedendo ai contribuenti di disdire il canone tv, con richieste illegali di compilazione di 'appositi moduli' e di denari non dovuti.La legge prevede che il contribuente possa fare richiesta di suggellamento dell'apparecchio televisivo e contestualmente cessare di pagare il canone-tassa Rai. Per farlo, e' sufficiente un pagamento pari a 5,16 euro ed una lettera raccomandata a/r, indicando il numero di "abbonamento" e specificando il tipo dell'apparecchio di cui si e' in possesso", ci scrive l'associazione ADUC. 
Che continua: "La disdetta denunciata entro il 31 dicembre dispensa dal pagamento del canone dal 1 gennaio dell'anno successivo. Abbastanza chiaro, no? No. La Rai, violando la legge, richiede che il contribuente compili un ulteriore modulo, senza il quale -a suo dire- la disdetta non sarebbe valida (http://www.aduc.it/dyn/rai/20090224-rai-modulo.pdf), con anche richieste assurde tipo: "non basta indicare la marca ma occorre anche il modello del vecchio televisore", "occorre una copia del pagamento del canone della persona a cui e' stato donato l'apparecchio", "occorre una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà debitamente compilata, sottoscritta da Lei e dal cessionario o dai cessionari degli apparecchi televisivi, e deve essere corredata dalle fotocopie di un valido documento di identita' suo e dei cessionari", etc.  Con questi artificii, la Rai pospone la data di suggellamento ad una data successiva al 31 dicembre 2008, e per questo pretende il canone anche per il primo semestre dell'anno 2009 (euro 54,86 Euro). Un pratica, questa della Rai, illegittima e vessatoria".

Ecco come difendersi secondo ADUC.
1. rispondere con una lettera raccomandata a/r di messa in mora/diffida, spiegando di aver seguito alla lettera la legge in merito al suggellamento e di non dover alcun importo per l'anno 2009. Quindi richiedere un risarcimento del danno per le spese e delle eventuali perdite di tempo necessarie per difendersi da questa illegittima richiesta. Qui la nostra scheda pratica su come redigere una messa in mora: http://www.aduc.it/dyn/sosonline/schedapratica/sche_mostra.php?Scheda=111051
Per quieto vivere, si potra' allegare anche il modulo compilato, tenendo presente che sottoscrivendo l'impegno a far entrare la Guardia di Finanza in casa propria non ha alcun valore e non e' vincolante (il suo unico scopo e' intimidire il contribuente che chiede la disdetta).
2. inviare copia di questa messa in mora, nonche' della richiesta di suggellamento e della risposta della Rai alle seguenti autorita':
- alla Procura della Repubblica di Torino, chiedendo alla stessa di accertare se non vi sia da parte del dirigente dell'Ufficio delle Entrate che ha inviato la richiesta un abuso di atti d'ufficio. Questo l'indirizzo: Procura della Repubblica - Corso Vittorio Emanuele II, 130 - 10138 TORINO (TO) ;
- alla Procura Generale della Corte dei Conti per danno erariale, chiedendo di accertare se non vi sia uno sperpero di denaro pubblico nella preparazione ed invio di lettere e moduli contrari alla legge. Questo l'indirizzo: Procura Generale della Corte dei Conti - Via A. Baiamonti, 25 - 00195 Roma.
- al Garante del Contribuente della propria Regione. Qui il modulo per fare ricorso: http://www.agenziaentrate.it/ilwwcm/resources/file/ebc00e45ce4cf26/224.pdf
Gli indirizzi del Garante della propria Regione possono essere trovati qui: http://www.finanze.gov.it/export/sites/default/finanze/documentazione/statuto_contribuente/indgarante.htm

Qui il settore specifico sul canone/tassa del nostro sito Internet: http://www.aduc.it/dyn/rai

24/02/2009 11:11
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.