Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Agcom: iniziata discussione su LCN. Ma la sensazione è che nell'immediato non si andrà oltre la mera presa d'atto dei litigi in corso
Nel corso della riunione odierna il Consiglio dell'Agcom ha avviato la discussione sulla questione dell'impiego in ambiente digitale terrestre dei numeri LCN.
A quanto risulta a questo periodico, il confronto sulla gestione della funzione che permette di assegnare automaticamente ad ogni servizio tv ricevuto una posizione predefinita all'interno della lista che li elenca non è però andato oltre la presa d'atto dell'esistenza di una serie di conflitti portati all'attenzione dell'Autorità a seguito del totale fallimento di tutti i tentativi di autoregolamentazione. Al centro della contesa vi sono soprattutto i numeri LCN 8, 9 e 10, che vedono contrapposte prevalentemente superstation a programmi nazionali. Nel range LCN 10-20, gli scontri di attribuzione hanno invece luogo, di norma, tra emittenti locali e tra queste e programmi nazionali di caratura minore. Da registrare, nel frattempo, una continua degenerazione del fenomeno in Lombardia, Piemonte, Trentino e nel Lazio con l'occupazione di numerazioni senza contenuto (come avveniva nella seconda metà degli anni '70 e nella prima degli anni '80 con i canali VHF e UHF presidiati con monoscopi) o azioni di plurinumerazione (associazioni di diversi numeri LCN al medesimo programma). Una situazione, quella dei conflitti di attribuzione, che è ormai diventata insostenibile e che ha già determinato l'avvio di procedure d'urgenza avanti ai Tribunali civili per la tutela delle posizioni di fatto.    
12/11/2009 21:26
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Nei processi, siano essi civili, penali o amministrativi, è spesso richiesto l’intervento di parti terze rispetto ai litiganti, utili a coadiuvare i giudici in diverse fasi del giudizio, come nel caso del Commissario ad acta, un funzionario pubblico nominato dal giudice amministrativo nell'ambito del giudizio di ottemperanza a cui viene conferito il compito di emanare i provvedimenti che avrebbe dovuto emettere un ente, che però si è rivelato inadempiente.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).