Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Agenzie di informazione: nuove proposte commerciali per rimanere a galla dopo la soppressione delle provvidenze per l'editoria
La soppressione delle provvidenze all’editoria relative alle spese sostenute dalle emittenti radiotelevisive per l’utilizzo dei servizi delle agenzie di informazione e la crisi economica generale spingono oggi le medesime agenzie a sviluppare nuove strategie commerciali.
Come noto, con l’introduzione della norma contenuta all’art. 10-sexies, comma 1, lettera e), del D.L. n. 194/2009, convertito, con modificazioni, dalla L. 25/2010, sono state abolite, a partire dai contribuiti relativi al 2009, le agevolazioni tariffarie per i consumi di energia elettrica ed i rimborsi relativi ai costi per i canoni di abbonamento ai servizi di comunicazione di elettronica, nonché per i canoni di abbonamento ai servizi delle agenzie di informazione. Tali ultime spese venivano rimborsate alle emittenti radiofoniche e televisive (nella misura del 60%) direttamente dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Un meccanismo, questo, che consentiva alle radio e tv di arricchire la propria programmazione con prodotti informativi di qualità ed alle agenzie di informazione di mantenersi in vita. Dopo il duro colpo determinato dal venir meno delle citate agevolazioni e a seguito dell’aggravarsi della crisi economica, le agenzie hanno dovuto riorganizzarsi, elaborando nuove offerte commerciali in grado di invogliare le emittenti ad acquistare i servizi offerti, non più rimborsabili. E così c’è chi propone delle collaborazioni annuali che prevedono la fornitura di edizioni del notiziario, a prezzi più contenuti rispetto al passato, previo acquisto da parte dell’agenzia di spazi pubblicitari destinati alla diffusione di spot commerciali o di spot istituzionali (che ovviamente potranno rimettere in circuito attraverso accordi con concessionaria di pubblicità nazionale captive o esterne). L’emittente, in questo modo, può avere garanzia della vendita di un certo numero di spazi pubblicitari e, al tempo stesso, fruire di buoni servizi informativi che altrimenti, probabilmente, non acquisterebbe (forse confezionandoli in casa con un livello qualitativo quasi certamente inferiore). In pratica una soluzione di barter, cioè la formula commerciale più antica del mondo: il cambio merce (che ogni radio conosce bene). Puntare sul preacquisto di spazi pubblicitari può infatti risultare oggi una strategia vincente da parte delle agenzie (se non addirittura l'unica), tenuto conto della pesante crisi che attraversa il mercato. (D.A. per NL)
23/01/2011 19:00
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.
A riguardo dei gravissimi ritardi accumulati nell'erogazione dei contributi alle tv locali degli anni passati e sull'adozione del nuovo regolamento, Confindustria RTV ha fatto pervenire a Newslinet.it la lettera del Presidente dell’Associazione TV Locali Maurizio Giunco e delle OO.SS.LL SLC- CGIL, FISTEL –CISL, UILCOM/UIL al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che di seguito integralmente pubblichiamo.
La situazione di crisi dell’emittenza televisiva locale, già grave per l’aumento dei costi di gestione conseguenti alla “ingiusta e discutibile” revoca dei diritti d’uso delle frequenze che il MISE ha operato in tutta Italia e che ha raggiunto il suo apice sulle regioni della fascia adriatica, con in testa la Puglia (in cui ha revocato 12 frequenze su 18), ora è ulteriormente aggravata per il ritardo dei pagamenti dei contributi relativi al bando 2015 (e siamo già a marzo 2017) e per la mancata emanazione dei bandi relativi agli anni 2016 e 2017.