Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Annozero, audience da primato, Santoro: dimostrazione che il pubblico non vuole censura. Bondi (Pdl): è ora di dire basta
7 milioni 338mila telespettatori e il 28,92 per cento di share, con punte del 48,00 a fine puntata. Questo il risultato dell'ultima puntata di Annozero, che fa gongolare Santoro, facendolo dichiarare che ciò è la dimostrazione somma che "Il pubblico non vuole censure".
"Volendo non ci sarebbe nemmeno da farlo un commento, sono i dati che gia' di per se' parlano - rincara la cose, sornione, il giornalista - La convinzione che tutto sia legato al fatto che il pubblico non voglia censure lo si deduce non tanto dal risultato numerico, che e' importantissimo, ma dalla permanenza altissima davanti alla televisione, che solitamente si riscontra per le partite di calcio. Ieri le persone si sono messe davanti alla tv con l'intenzione di restarci fino all'ultimo, e cio' dimostra il loro modo di sostenere che e' questo tipo di televisione che vuole seguire". Ma la trasmissione, come era scontato, sta facendo infuriare i politici del centro-destra, come per esempio Sandro Bondi (coordinatore nazionale Pdl e ministro dei Beni cutlruali), che dichiara:  ''A che cosa dobbiamo ancora assistere, che cosa dobbiamo ancora vedere davanti agli schermi della televisione, per renderci conto tutti, indistintamente, che e' giunto davvero il momento di dire basta ad una televisione degradante dei costumi civili e politici del Paese e di aprire una pagina nuova in cui la televisione puo' acquistare una funzione positiva rispetto alla necessita' di un elevamento dello spirito pubblico e della coscienza democratica di una nazione''. Continua il ministro: ''Allo scopo di riflettere sulle iniziative assunte da alcuni Paesi europei sul ruolo che i mezzi di comunicazione e la televisione in particolare possono svolgere nel rafforzamento del tessuto sociale e democratico, ho preso l'iniziativa -prosegue Bondi- di invitare prossimamente a Roma alcuni dei Ministri della cultura dei Paesi europei, le cui iniziative hanno evidenziato la possibilita' di sperimentare soluzioni nuove in grado di fornire una soluzione ad un problema che riguarda tutti''. 
03/10/2009 15:48
 

Bravo Bondi! Grande. Però ho fatto una ricerca su Internet...

...e non sono riuscito a trovare altre esternazioni del ministro relative a graticole mediatiche di soggetti diversi dal presidente del Consiglio. Per esempio, quando Alberto Stasi - cioè un cittadino comune - era additato da tutti come il "certo" colpevole dell'omicidio di Garlasco e sottoposto alla gogna mediatica, Bondi non sentiva di intervenire contro "la televisione denigrante"? Quel che dice Bondi sarebbe da scolpire, a condizione che fosse applicato a tutti i cittadini e non solo a quelli di serie A. Se ci fosse un'opposizione degna del nome, forte di cotanti interventi, l'attuale maggioranza si sarebbe già polverizzata. Questa è la vera fortuna di Mister B.
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.