Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Apple fa il pieno di utili. E la mela si mangia la crisi
La qualità conta, eccome. Ma anche la quantità. Sono i numeri che alla fine determinano il buon andamento di un’azienda, purtroppo o per fortuna. E i numeri di Apple, a questo giro, sono tutti giusti.
Vendite, profitti, valore delle azioni, dividendi distribuiti. Il terzo trimestre di questa annata si è chiuso per la società di Cupertino con una serie impressionante di segni positivi. Rispetto allo stesso periodo dell’anno passato siamo al +47% di utili, risultato ottenuto grazie ad un boom di vendite di dispositivi Mac (+19%) e iPhone (+7%). Sono numeri importanti che hanno galvanizzato i mercati finanziari, consolidando un trend che nel corso dell’ultimo anno ha portato Apple a raddoppiare il valore delle proprie azioni, arrivando a superare il massimo storico. L’asticella è ora fissata a 203,62 dollari per azione: niente male per tempi bui come quelli che stiamo attraversando. Apple ha saputo in questi anni concentrarsi sullo sviluppo e la promozione di buoni prodotti, che sono entrati nel cuore di milioni di consumatori ed è riuscita ad “internazionalizzarsi” sempre più, realizzando quasi il 50% del suo fatturato al di fuori degli Stati Uniti. E questo in tempi di crisi, a fronte di una contrazione del mercato. Ciò significa che chi acquista Apple lo fa perché sa quel che vuole: non cerca un computer o un telefonino, vuole un Mac o un iPhone. Segno che il potere dei marchi, ancora una volta, conta qualcosa. (Davide Agazzi per NL)
 
21/10/2009 15:33
 
NOTIZIE CORRELATE
Il settore dei media ha registrato nel quinquennio 2011 – 2015 forti contrazioni dei ricavi, con una perdita pari al 30% per l’editoria quotidiana e periodica e di oltre il 20% relativamente al settore delle telecomunicazioni.
Dopo Google, anche Apple lancia la sua idea per innovare il piccolo schermo: si chiama "Tv", un’applicazione che, come il set top box di Mountain View, mira a creare, come dice il ceo Tim Cook (foto), “un unico posto in cui accedere a tutti i vostri show tv e ai film”.
Climax dai connotati critici per l’editoria: secondo i dati riportati dallo studio R&S di Mediobanca, nel 2015 il settore è all'opposto delle costruzioni per quanto concerne i margini.
“Il digitale sta cambiando in profondità l’industria editoriale, ma non esistono soluzioni standard né business consolidati. Le culture sono diverse, le economie sono differenti. E i ricavi vengono ancora per il 90% dalla carta”.
I possessori dell’iPhone da tempo lamentano l’impossibilità di ascoltare dal loro melafonino la radio FM (allo stato la piattaforma distributiva dei programmi radiofonici più utilizzata in tutto il mondo, con una penetrazione assolutamente imparagonabile a quella di altri carrier).