Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Arriva il grande orecchio per scoprire chi usa senza licenze SIAE e SCF musica protetta in radio tv e locali pubblici
(Adnkronos) - Un grande e sensibilissimo orecchio tutto italiano al servizio di chi utilizza la musica in tv ma anche in radio e nei locali pubblici (dai bar agli alberghi, dai centri commerciali alle banche) per rendere automatica il riconoscimento dei brani musicali e la 'rendicontazione' dei diritti, finora imprecisa, costosa e complicatissima ma soprattuttio realizzata in larghissima parte con metodi arcaici.

Il nome del nuovo sistema e' 'Rendi' e la tecnologia che lo ha reso possibile e' frutto del lavoro di un ricartore dell'Universita' di Padova, Nicola Orio, che l'ha sviluppata ed ha poi proposto una partnership alla Direzione Musica Rti, che sta sperimentando ora il sistema insieme alla cooperativa La Cosa.

"Questo sistema e' in grado di far ottimizzare i costi a chi utilizza musica, che oggi e' costretto ad una rendicontazione interamente manuale ma e' in grado soprattutto di diventare la nuova fonte di guadagno per la discografia", spiega all'ADNKRONOS Guido Dall'Oglio, responsabile della Direzione Musica di Rti. 'Rendi' infatti e' in grando da un lato di aiutare chi utilizza musica a sapere esattamente cosa e quanto ha utilizzato (rendendo meno costosa la rendicontazione che va inviata alla Siae e alla Scf) dall'altro di aiutare gli aventi diritto musicali e stesse Siae e Scf (societa' consortile fonografici italiani) di recuperare molti soldi persi o erroneamente assegnati.
02/03/2009 06:14
 
NOTIZIE CORRELATE
Mercoledì 8 marzo, si è tenuto presso la sede di Confindustria Radio Televisioni (CRTV), un ulteriore incontro con una delegazione della SCF e i rappresentanti dell’Associazione Radio FRT e di Aeranti-Corallo, avente per oggetto il rinnovo della convenzione per i diritti connessi.
La SIAE accoglie la richiesta del presidente dell’Associazione Internet Media - ing.
Come affermato sul sito web, SCF è la società che, in Italia, gestisce la raccolta e la distribuzione dei compensi, dovuti ad artisti e produttori discografici, per l’utilizzo in pubblico di musica registrata.
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sostiene la necessità di una riforma che interrompa il monopolio della SIAE nel mercato della gestione dei diritti d’autore in quanto lesivo sia della libertà di iniziativa economica che di quella decisionale degli autori.
Clamorosa vittoria di Pirro per la Società Consortile Fonografici (SCF), destinata ad avere sicure ripercussioni su altri casi: il Tribunale di Milano ha condannato l'emittente radiofonica RTL 102,5 al pagamento di 1.414.644,98 euro a titolo di compensi ex art. 73 della legge sul diritto da autore relativi al periodo compreso tra il primo agosto 2009 e il 31 dicembre 2012.