Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Audiradio, "caso soglia", Agcom: vigileremo sulle indagini. Novanta giorni di tempo per adeguarsi alla Delibera
La Commissione servizi e prodotti dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, presieduta da Corrado Calabrò, relatori Giancarlo Innocenzi Botti e Michele Lauria, a conclusione dell’istruttoria sugli indici di ascolto radiofonici avviata a seguito delle segnalazioni di alcune associazioni di emittenti locali e da alcune stazioni radiofoniche (sul noto "caso soglia"), ha approvato specifiche misure e raccomandazioni rivolte ad Audiradio.
Le misure adottate riguardano la governance della società Audiradio, l’introduzione di criteri di maggior correttezza e trasparenza dell’indagine sugli indici di ascolto radiofonici e la valutazione sulle novità introdotte da Audiradio nell’indagine 2009. Per quanto riguarda la governance, Audiradio dovrà attuare un progressivo ribilanciamento delle partecipazioni attualmente detenute dai soci e un allargamento del capitale sociale alle componenti della radiofonia attualmente non rappresentate (settore delle emittenti locali), al fine di assicurare la massima rappresentatività dell’intero comparto. Per soddisfare le esigenze di correttezza la società è tenuta a realizzare un sistema di controllo della qualità dell’indagine, che sarà verificato da un soggetto terzo, super partes, individuato da Audiradio. Tale soggetto dovrà inviare un Report annuale all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni sui risultati della verifica effettuata. Inoltre, ai fini di una maggior trasparenza, i dati e le procedure adottate per la stima degli ascolti dovranno essere resi accessibili a tutti gli iscritti all’indagine .  L’Agcom ha, inoltre, rilevato che la nuova indagine tramite panel-diari, tecnica utilizzata anche da altri Paesi europei, risponde all’esigenza di implementare sistemi di rilevazione degli ascolti radiofonici più innovativi ed oggettivi. Per quanto riguarda l’innalzamento della soglia di pubblicazione (da 24 a 30 casi), l’Autorità ha ritenuto che tale innovazione, seppure conduca a risultati metodologicamente più affidabili, possa essere utilizzata solo nella rilevazione bimestrale ma non in quelle semestrale ed annuale, nelle quali può determinare l’esclusione di un numero considerevole di emittenti dalla rilevazione degli indici di ascolto. L’Autorità vigilerà sul rispetto delle disposizioni impartite in base ai poteri che le sono conferiti dalla legge in materia di rilevazione degli indici di ascolto. (S.C. per NL)
20/05/2009 15:33
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
“L’operazione condotta dalle Unità speciali della Guardia di Finanza che ha portato all’oscuramento di 41 siti web che consentivano la visione illecita di film e eventi sportivi in violazione del diritto d’autore, rappresenta un importante colpo inferto alla pirateria on line”.
Pubblicati i dati risultanti dalle rilevazioni sugli ascolti radiofonici di Radio Monitor by Eurisko (ultima tornata in attesa della successione della Tavolo Editori Radiofonici srl nell'indagine) e relativi al secondo semestre 2016, dai quali spicca il dato riguardante le emittenti Mediaset: il Biscione arriva a controllare un quarto degli ascolti radiofonici nel giorno medio (attraverso le emittenti di proprietà R101, Virgin Radio e Radio 105 e senza considerare quelle commercializzate: Radio Kiss Kiss, RMC, Subasio e Norba), confermando le preoccupazioni della concorrenza (in particolare di Linus, direttore di Radio Dee Jay).
Le emittenti radiofoniche interessate stanno ricevendo in questi giorni il modulo d'adesione alla prima indagine sull'ascolto radiofonico italiano gestita dalla milanese TER - Tavolo Editori Radiofonici srl, la nuova società di diritto privato che si occuperà della raccolta e dell'elaborazione sull'audiance del medium.