Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Audiradio, dopo REA interviene anche CNT-TPD: "Le autorità indaghino sulle indagini". Silenzio dagli altri sindacati
La pressione sulle vicende Audiradio non scende. Dopo le durissime prese di posizioni dell'associazione di emittenti locali REA, anche il CNT Terzo Polo Digitale richiede l'intervento di Agcom. Silenzio invece dagli altri sindacati. Questa la dichiarazione dell'associazione: "Il CNT-TPD sollecita nuove disposizioni impartite dalle Autorità. Si chiede, inoltre, di indagare circa presunte anomalie riscontrate nelle modalità di iscrizione e rilevazioni degli indici di ascolto effettuate da Audiradio, in merito alla presenza di evidenti casi di duplicazioni dei marchi nazionali in sede locale, di modificazione del marchio ufficiale, di omonimie dei marchi, e di problemi connessi all'intervista stessa ed alle oscillazioni di ascolto. Sulla vicenda Audiradio era stata investita del problema anche l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni a seguito di esposti presentati da altre associazioni, ma allo stato l'organo di garanzia non risulta essersi ancora espresso. E’ auspicabile, quindi, un tempestivo intervento per chiarire una volta per tutte l’attività di Audiradio".
14/03/2009 11:22
 
NOTIZIE CORRELATE
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
Pubblicati i dati risultanti dalle rilevazioni sugli ascolti radiofonici di Radio Monitor by Eurisko (ultima tornata in attesa della successione della Tavolo Editori Radiofonici srl nell'indagine) e relativi al secondo semestre 2016, dai quali spicca il dato riguardante le emittenti Mediaset: il Biscione arriva a controllare un quarto degli ascolti radiofonici nel giorno medio (attraverso le emittenti di proprietà R101, Virgin Radio e Radio 105 e senza considerare quelle commercializzate: Radio Kiss Kiss, RMC, Subasio e Norba), confermando le preoccupazioni della concorrenza (in particolare di Linus, direttore di Radio Dee Jay).
Le emittenti radiofoniche interessate stanno ricevendo in questi giorni il modulo d'adesione alla prima indagine sull'ascolto radiofonico italiano gestita dalla milanese TER - Tavolo Editori Radiofonici srl, la nuova società di diritto privato che si occuperà della raccolta e dell'elaborazione sull'audiance del medium.
La TER (Tavolo Editori Radio srl) ha assegnato l’indagine sugli ascolti radiofonici in Italia nel 2017 ad Ipsos e GfK Eurisko che si distribuiranno equamente l’incarico, mentre ad un terzo ente ancora da definire verrà affidata l’attività di controllo.
Inizieranno dall’ormai vicino 2017 i lavori della nuova Audiradio, l’istituto di rilevazione degli ascolti radiofonici che nasce dalla collaborazione fra gli editori nazionali e locali del settore.