Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Auditel. Pubblicati i dati di Maggio 2009. Canale 5 superstar
21.52 a 21.13: non si tratta di rilievi cronometrici, ma di dati di ascolto: segnatamente, delle percentuali che Canale 5 e Rai 1 hanno registrato nel mese di Maggio 2009.
La differenza non è abissale e, se dovessimo stare a sentire le malelingue, non è un caso che le cose stiano così. Rai e Mediaset sembrano sempre impegnate in un eterno testa a testa, in cui nessuno però combatte seriamente e dunque, nessuno risulta il vincitore. I due gruppi si tallonano e si dividono le fasce di ascolto: Rai primeggia presto la mattina e tardi la sera, come dice la canzone; Mediaset regna incontrastata nella fascia centrale della giornata. In questo scenario, ospite poco gradita è la tv satellitare, che riesce a mettere assieme il 9,6% di share e rispetto allo stesso periodo del 2008 risulta in crescita del 9% (significativo rilevare che, se si considera solo la prima serata, il satellitare cresce di ben il 21%). Non si hanno dati sugli share dei nuovi canali trasmessi in chiaro sul digitale terrestre, ma a breve anche quelli faranno la loro parte. Eppur si muove quindi, nonostante tutto. E a fare la parte del leone quest’anno è stata Barbara D’urso che, conducendo programmi nella fascia del mattino e del primo pomeriggio, è riuscita a ribaltare, seppur di poco, il rapporto di forza tra Canale 5 e Rai 1. Vedremo, con il passare dei mesi, se la sua popolarità consoliderà questo trend o se, proprio per questo motivo, anche lei, come Fiorello, sarà attratta dalle sirene di Sky. (Davide Agazzi per NL)
10/06/2009 18:34
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).