Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Berlusconi: di questo passo il 50% degli italiani non pagherà il canone RAI. Codacons: lucciole per lanterne
Il Presidente del Consiglio ha dichiarato di aver commissionato un sondaggio dal quale risulterebbe che, andando avanti di questo passo, il 50% degli italiani non pagherà il canone Rai, e attribuisce questa tendenza all'uso criminoso della tv che fanno alcune trasmissioni come Annozero.
Per il Codacons Berlusconi "prende lucciole per lanterne. Infatti è senz'altro vero che più del 50% degli italiani è ormai stufo di pagare il canone, ma questo avveniva anche anni fa e per ragioni ben diverse da quelle indicate dal Premier". "Il problema è che il servizio offerto dalla Rai in questi ultimi anni è peggiorato e invece di distinguersi da Mediaset, come chiedeva la Corte Costituzionale (sentenza n. 284 del 26/6/2002), si è adeguata alle esigenze della raccolta pubblicitaria, omologandosi sempre più alle tv private, svolgendo sempre meno il ruolo di servizio pubblico", continuano i consumatori. "Ecco perchè gli italiani sono stufi di pagare il canone, come conferma l'elenco delle proteste raccolte dal Codacons, che dimostra come il Premier sbagli, visto che tra le richieste dei consumatori c'è addirittura il potenziamento di alcuni dei programmi contestati, come ad esempio Report. Tra le altre lamentele dei teleutenti legate al canone: l'eccessiva pubblicità durante le trasmissioni, troppe repliche nei periodi estivi, eccessive scene di violenza in tv, e il non rispetto degli orari nella programmazione quotidiana", conclude il Codacons.
 
17/10/2009 15:16
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”