Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Canone-Imposta RAI. ADUC: "L'Agenzia delle Entrate fa il gradasso coi presunti deboli. Ma se il contribuente e' informato..."
Ci scrive l'associazione do consumatori ADUC:  "L'Agenzia delle Entrate, in materia di canone/imposta Rai fa il gradasso, partendo dal presupposto che il contribuente sia debole e impaurito di fronte all'Autorita' fiscale. Vediamo le ultime novita'. Scenario reale. Quando un contribuente, alle pressanti e invasive richieste dell'Agenzia, risponde che non possiede un televisore,  oppure -nei termini temporali previsti dalla legge -fa disdetta del canone o chiede il suggellamento dell'apparecchio, l'Agenzia stessa richiede la compilazione di una dichiarazione sostitutiva di atto di notorieta' e il pagamento dei canoni successivi alla disdetta, considerata inefficace senza quel modulo. Scenario assurdo. E' come se, dopo aver fatto la dichiarazione dei redditi e aver pagato le imposte nei tempi di legge, l'Agenzia scrivesse chiedendo la compilazione di un modulo in cui si deve confermare di aver dichiarato il vero e si autorizza la Guardia di Finanza ad entrare in casa propria in qualsiasi momento per verificare. Non solo, ma l'Agenzia dovrebbe chiedere anche il pagamento di centinaia di euro di more, in quanto senza questo modulo la dichiarazione dei redditi non sarebbe stata presentata nei termini.  Quale differenza tra lo scenario assurdo e quello reale? Che nel caso del canone/imposta l'assurdo diventa reale!! Come difendersi. La Rai e l'Agenzia delle Entrate fanno i gradassi contro i presunti deboli. Ma quando il contribuente si informa sui propri diritti e denuncia il loro comportamento alle autorita' competenti, la loro forza si trasforma in paura. Una paura che ha spinto l'Agenzia ad accettare in fretta e furia la disdetta di un contribuente anche senza la compilazione del modulo. Leggere per credere (1). Ovviamente la Rai e l'Agenzia delle Entrate continueranno a comportarsi in maniera illegale con tutti coloro che non conoscono o non difendono i propri diritti, limitandosi a retrocedere solo di fronte ai singoli casi di cittadini informati. E' tipico dell'arroganza che li permea. Invitiamo ancora i contribuenti a cui venisse richiesta la compilazione del fantomatico modulo a farsi valere con denunce al Garante del Contribuente, alla Corte dei Conti e alla Procura della Repubblica di Torino. Qui come fare:
http://www.aduc.it/dyn/rai/comu.php?id=170597  Sito Internet dedicato al canone-imposta Rai: http://www.aduc.it/dyn/rai
(1)
http://www.aduc.it/dyn/documenti/allegati/20090430-agenziaentrate-canone.pdf"
30/04/2009 12:39
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.