Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Canone RAI. ADUC: "Disinformazione e ambiguita' colpisce anche chi dovrebbe intervenire in Parlamento per abolizione. Nuova vittima: Di Pietro"
"Nella bagarre politica che sta investendo il Palazzo e la Rai per la gestione di quest'ultima e la spartizione di poltrone e spazi, oggi si registra una nuova vittima della disinformazione e dell'ambiguita' in cui aleggia il sistema di finanziamento del servizio pubblico di informazione radiotelevisiva: il leader dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro".
Lo scrive l'associazione di consumatori ADUC, riferendosi alla dichiarazione dell'ex magistrato (foto) sul suo sito internet: "Aderisco all'iniziativa lanciata ormai da piu' parti per disdire il canone Rai ed invito i cittadini a fare altrettanto, e aggiungo 'sostituendolo con Sky'". Per ADUC Di Pietro "prende una cantonata che, visto il suo calibro politico, visto il contesto e vista la materia, e' l'ennesimo sintomo di come, nonostante sentenze (anche della Corte Costituzionale), il fatto che il cosiddetto canone non sia un abbonamento per vedere le trasmissioni della Rai, ma un'imposta sul possesso di un apparecchio televisivo, non e' entrato nella testa neanche di chi dovrebbe fare le leggi. Infatti Di Pietro, se vuole sostituire Sky con la Rai, dovra' sempre pagare l'imposta, che dovrebbe pagare anche se usasse il proprio apparecchio televisivo come ornamento di una sua dimora. Da cittadini utenti, possiamo solo rilevare che questa e' l'ennesima dimostrazione di come la battaglia per l'abolizione del canone Rai continua ad essere solo uno spauracchio per questo o quel fine politico, e che nessuno -di per se'- lo intende affrontare cosi' come vorrebbe la maggior parte degli italiani, che lo paga mal volentieri e lo odia piu' di ogni altra imposta. E Di Pietro sarebbe solo un seguito dopo anni di urla strumentali e a vuoto della Leganord e dell'ex Alleanza Nazionale, urla che si sono sempre placate quando hanno avuto un qualche posto di potere all'interno del 'pianeta Rai". Conclude ADUC: "Ci auguriamo che questa sia occasione di riflessione per chi ha valutato che nel 2009 non si puo' continuare con questo bisticcio in cui la Rai abusa della propria posizione dominante con i soldi dei contribuenti. Qui il nostro settore per la battaglia abolizionista e tutte le informazioni del caso: http://tlc.aduc.it/rai/"
15/09/2009 17:02
 
NOTIZIE CORRELATE
Marzo porta con sé aria di cambiamenti per il canale televisivo Rete 4. Il canale di Mediaset annuncia grandi novità che entreranno in vigore a partire da questa domenica, 12 marzo: nuova veste grafica e nuovi format in versione sperimentale; questi gli ingredienti principali della rivoluzione a cura di Sebastiano Lombardi, direttore del canale.
Da quanto il canone Rai è nella bolletta dell’elettricità molte famiglie hanno avuto a che fare con la dichiarazione sostitutiva per evitare addebiti non dovuti o duplicati.
L’espediente della bolletta è riuscito a ridurre l’evasione dal canone RAI. Questo è il dato che emerge dalla presentazione dei risultati del 2016 condotta dal direttore generale dell’Agenzia delle entrate Rossella Orlandi, insieme al ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan e al viceministro Luigi Casero.
Dal 15 settembre è possibile effettuare la presentazione dei moduli per chiedere il rimborso del canone Rai in bolletta. Se il canone è stato pagato ma non è dovuto, il titolare del contratto di fornitura di energia elettrica può, infatti, chiedere il rimborso.
Il Ministero dello Sviluppo Economico interviene sulle indiscrezioni di stampa pubblicate nei giorni scorsi a riguardo di un presunto fallimento dell'operazione "canone RAI in bolletta", secondo le quali quasi un italiano su due non avrebbe provveduto al versamento, con punte del 60% al Sud.