Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Canone RAI, Garimberti e la piaga dell'evasione. ADUC: "Siamo a disposizione per dimostrargli tutti gli errori che fanno"
L'associazione di consumatori ADUC ci scrive una nota molto dura a riguardo dell'infinita querelle sul canone RAI. "La Rai e' una azienda sana" ma c'e' "una piaga" che e' quella dell'evasione dal canone che "sottrae 450 milioni di euro l'anno". Cosi' il presidente della Rai, Paolo Garimberti, nel corso della sua audizione in commissione di Vigilanza. Il direttore generale, Mauro Masi, poi, annuncia che il dato relativo al primo quadrimestre del 2009 segna una evasione dal canone superiore al 30% contro quello del 2008 che si attestava al 28,2%. Il neo-presidente Garimberti sembra quasi nato oggi... o forse questo problema non se lo poneva perche', come la maggior parte del settore dell'informazione e la maggior parte dei politici, il problema "non esiste". Certo, abbiamo anche il presidente Silvio Berlusconi che ultimamente ha fatto sapere di aver piu' volte sventato, da parte dei suoi, una sorta di sciopero del canone... ma sono discorsi della domenica, da festa di partito, cosi' come i ministri della Leganord o dell'ex-An, abolizionisti a singhiozzo e convenienza. Noi ci mettiamo a disposizione del presidente Rai per certificargli -"carta canta"... cioe' lettere pubblicate nella nostra rubrica online "Cara Aduc"- che il fenomeno dell'evasione e' dilagante. Non solo, ma -ammesso che questo aspetto lo possa interessare- che anche chi paga odia lui, la Rai, lo Stato e, se fossero tendenzialmente piu' criminali di quanto un evasore fiscale possa gia' esserlo, darebbero fuoco a tutta Saxa Rubra. Questo e' il contesto in cui oggi Galimberti scopre la piaga e il suo direttore conferma che quanto continuano a fare (ai limiti spesso del codice penale) per "convincere" i refrattari a pagare, sta solo facendo aumentare l'evasione e -ribadiamo- l'odio dei contribuenti verso loro e lo Stato. Immaginiamo che Galimberti avra' in programma nuove forme di lotta all'evasione, con l'indurimento di quanto fatto fino ad oggi, aumentando il numero dei controllori che si intruffolano nelle case delle persone facendo loro credere di essere altro... altrimenti sarebbero bastonati seduta stante. Insomma tutte quelle iniziative che dovrebbero fare apparire la Rai/Stato piu' maschia e piu' feroce. Scommettiamo che l'anno prossimo, e l'anno prossimo ancora, i dati dell'evasione saranno ancora piu' alti e l'odio dei contribuenti verso Rai e Stato sara' ancora maggiore? Noi crediamo che fintanto continueranno con la menzogna e l'inganno a prelevare i soldi per il possesso di un apparecchio tv anche se viene usato solo per far giocare i ragazzini alla playstation, non potranno aspettarsi altro. Si raccoglie cio' che si semina, e chi semina arroganza, imposte percepite e vissute come ingiuste, puo' solo raccogliere odio e diventa complice di tutti gli sfascisti che distruggono lo Stato scambiandolo per l'andito della propria magione. Speriamo che con la nostra disponibilita' a far sapere a Galimberti cio' che sembra non sapere, possa essere affrontato di petto un problema fondamentale come l'informazione di Stato. Noi intanto proseguiamo, con le migliaia di richieste di chiarimenti da parte di contribuenti increduli che possa esistere un metodo cosi' suicida come quello del canone/imposta per finanziare una tv di Stato, con le infinite interrogazioni parlamentari a cui i ministri di turno non rispondono mai perche' non sanno cosa dire. Aspettiamo di essere convocati da Garimberti che, intanto, lo invitiamo a farsi un giretto in Internet a questo indirizzo: http://www.aduc.it/dyn/rai
28/04/2009 13:27
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.