Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Canone RAI, Libersind: sì, perché è la tassa sulla democrazia
Ci scrive il sindacato autonoma Libersind a riguardo della polemica in corso sul pagamento del canone RAI.
"La RAI, in questa giovane democrazia, ha praticamente completato il grande lavoro di Garibaldi, ha unito gli italiani in un unico popolo con un’unica lingua. La RAI ha prodotto cultura e informazione formando i professionisti dell’intero panorama del piccolo schermo italiano. A differenza dei giornali, l’informazione RAI raggiunge il 100% degli italiani e, cosa piu’ importante, ha il Parlamento come editore. Questo e’ un lusso che noi italiani ci permettiamo proprio grazie al canone. Avere un giornale frutto del libero voto dei cittadini, dove sono presenti maggioranza ed opposizione e’ indubbiamente la massima conquista di una democrazia e va difesa ad oltranza. La RAI si regge a meta’ sul canone e meta’ sulla pubblicita’, in questo periodo di crisi molte aziende hanno limitato le inserzioni e dalla raccolta pubblicitaria ne sono gia’ saltate ben 117. Non ci permettiamo qui di fare analisi sociologiche da bar dello sport, ma e’ indubbio che quel poco di raccolta pubblicitaria che sopravvive alla crisi, si orienta verso luoghi di massima resa. Il telespettatore che approda in programmi altamente orientati politicamente, dove si fa campagna elettorale, non e’ sensibile al richiamo pubblicitario e quindi l’inserzionista si rivolge verso programmi il cui riscontro, in termini di acquisti del prodotto, e’ piu’ alto. Ecco perché il palinsesto non puo’ essere frutto di una sentenza ma di un analisi complessa che, oltre a tener conto della professionalità di un giornalista, deve traguardare la mission primaria dell’azienda di servizio pubblico che si regge sulla fidelizzazione dei telespettatori passando attraverso canone e pubblicità. Volendo poi entrare nello specifico, si precisa che questa Segreteria e’ contro ogni epurazione e si battera’ affinche’ programmi come Anno Zero continuino ad esistere in quanto e’ salva la democrazia visto che ad ogni sua bordata si rafforza il centrodestra".
29/09/2009 12:37
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.