Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Canone Tv. Verso l'abolizione anche in Polonia: ADUC: "In Italia il Governo non risponde neanche alle interrogazioni parlamentari"
Ci scrive l'associazione di consumatori ADUC: "La Dieta polacca ha deciso di abolire il canone sulla tv di Stato e gli spot commerciali nei programmi. I media pubblici saranno finanziati direttamente dal bilancio dello Stato [1]. Il governo liberale di Donald Tusk ha ottenuto questo successo, con la forte opposizione di conservatori e socialdemocratici. Ora si aspetta la firma del presidente della Repubblica, il conservatore Lech Kaczynski. Il canone/imposta delle tv di Stato e' un problema per tutti i Paesi, che' ovunque i contribuenti non digeriscono questa imposizione che deve essere pagata per il solo fatto di possedere un apparecchio tv, anche se non si guardano mai i programmi di Stato. Ma non tutti i Paesi europei la pensano allo stesso modo. Al prossimo ingresso della Polonia, tra i Paesi che hanno abolito la gabella, sono gia' senza canone/imposta Olanda, Ungheria, Bulgaria, Spagna, Belgio fiammingo, Lussemburgo, Portogallo, Lituania, Lettonia, Estonia, Bielorussia, Ucraina, Moldavia, Turchia. Pagano invece il canone, ma non hanno pubblicita' commerciale: Francia, Danimarca, Svezia, Norvegia, Finlandia. In Italia, dove il problema e' molto sentito: questa gabella risulta essere la piu' odiata dagli italiani e -secondo la Rai- oltre il 30% dei presunti possessori di apparecchi tv risulta evasore [2]. La situazione e' ovviamente a livelli paradossali e tragico-ridicoli: la materia e' disciplinata da una legge del 1938 (quando non c'era neanche un tv in Italia) e il Governo non risponde da anni a diverse interrogazioni parlamentari che cercano di fare il punto sulla controversa campagna della Rai per esigere la gabella e su metodi di applicazione della stessa che partono dal presupposto che non tutti sono uguali di fronte alla legge. Non solo, ma in Italia ci portiamo dietro il fardello -inattuato- di un referendum che nel 1995 aveva visto la maggioranza degli italiani chiedere che la tv di Stato fosse privatizzata. Tutto questo oltre a pareri della Corte dei Conti, del Garante del Contribuente e petizioni popolari firmate da centinaia di migliaia di cittadini che condannano l' attuale sistema del canone/imposta [3]. Diversi soldati polacchi vennero in Italia negli anni '940 per liberarci dal nazi-fascismo, dobbiamo sperare che arrivino anche per liberarci dal monopolio e contribuire alla nostra liberta' d'antenna e di informazione?"

[1] http://www.aduc.it/dyn/tlc/noti.php?id=263857
[2] http://www.aduc.it/dyn/rai/comu.php?id=258095
[3] http://www.aduc.it/dyn/rai/index.php

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

25/06/2009 10:26
 
NOTIZIE CORRELATE
In un articolo del 15 marzo, pubblicato sul blog ufficiale di Viacom (Visual & Audio Communications - conglomerato di media statunitense con vari interessi in tutto il mondo nei canali televisivi satellitari e via cavo), si legge: “Insieme a Fox Networks Group e Turner siamo lieti di annunciare la nascita di OpenAP, la piattaforma avanzata di rilevazione audience nel settore televisivo”.
Marzo porta con sé aria di cambiamenti per il canale televisivo Rete 4. Il canale di Mediaset annuncia grandi novità che entreranno in vigore a partire da questa domenica, 12 marzo: nuova veste grafica e nuovi format in versione sperimentale; questi gli ingredienti principali della rivoluzione a cura di Sebastiano Lombardi, direttore del canale.
Da quanto il canone Rai è nella bolletta dell’elettricità molte famiglie hanno avuto a che fare con la dichiarazione sostitutiva per evitare addebiti non dovuti o duplicati.
L’espediente della bolletta è riuscito a ridurre l’evasione dal canone RAI. Questo è il dato che emerge dalla presentazione dei risultati del 2016 condotta dal direttore generale dell’Agenzia delle entrate Rossella Orlandi, insieme al ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan e al viceministro Luigi Casero.
«In realtà come ci dicono i dati dell’Osservatorio Social Tv 2015 l’aumento dei device di accesso ai contenuti, e la conseguente affermazione di pratiche di fruizione timeshifting e placeshifting, stanno producendo un complessivo incremento del tempo dedicato alla visione».