Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Caso Annozero-Scajola, audizione di Romani alla Commissione Vigilanza: nessuna censura su RAI, solo legittimo controllo dell'attività
Paolo Romani, viceministro dello Sviluppo Economico con delega alla Comunicazione, ha riferito oggi in un'audizione alla commissione parlamentare di Vigilanza sulla RAI che il governo non intende censurare la concessionaria pubblica, quanto chiedere il rispetto delle garanzie di pluralismo dell'informazione e rispetto della dignità umana.
L'audizione di Romani ha avuto impulso dall'intervento (contestatissimo) del ministro del MSE Scajola, che era arrivato a definire "spazzatura" il contenuto della trasmissione Annozero su Raidue nella quale questa sera dovrebbe essere mandata in onda un'intervista a Patrizia D'Addario, la escort che avrebbe (a suo dire) passato una notte con Silvio Berlusconi. Dopo l'esternazione di Scajola, ritenuta da molti osservatori quantomeno "inopportuna", il suo dicastero aveva aperto un'istruttoria  per valutare se ci fossero gli estremi per interessare l'Autorità per la garanzia delle comunicazioni, concordando coi vertici RAI un incontro per il prossimo 8 ottobre. Tanto era bastato per far gridare alla Sinistra (e non solo ad essa, per la verità) al "regime".  "Non vogliamo avere atteggiamenti né censori né autoritari", ha prevedibilmente detto Romani alla commissione parlamentare, precisando che "il principio dell'obiettività deve essere evidente nelle modalità del fare informazione e rifuggire da faziosità e protagonismi". Una situazione complessa, che rischia di scoppiare in mano ad un centro-destra che comincia ad essere visibilmente in affanno su temi delicati della comunicazione, nonostante essa sia da sempre il cavallo di battaglia di Berlusconi. Sulla questione ha ritenuto di dire la propria anche il presidente della commissione di Vigilanza, Sergio Zavoli, che ha dichiarato: "quella del pluralismo è una delle cose più ipocrite ed ambigue che abbia sentito, a cui in molti hanno fatto ricorso per coprire la trasgressione al principio secondo cui l'informazione pubblica deve essere innanzitutto completa".
30/09/2009 19:39
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.