Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Caso Google – Apple. Al Cda siedono gli stessi membri
Il punto è il seguente: Google, decennale colosso dei servizi internet, avrebbe in comune almeno un membro del proprio Cda con Apple, l’azienda leader nella produzione di dispositivi tecnologici dal design innovativo (e dal costo discutibile). Gli individui in questione sono Eric Schmidt e Arthur Levinson, che detengono contemporaneamente un posto nei consigli di amministrazione di entrambe le società. E trattandosi di nomi noti nell’indefinito mondo dell’informatica, c’è chi parla (ironia della sorte) di peer-to-peer, o di sharing tra dirigenti del settore. Sebbene – ricorda il WSJ online – la pratica di avere stessi nomi in Cda diversi sia comune, le leggi Antitrust non permettono che ciò avvenga. Motivo per cui la Federal Trade Commission statunitense avrebbe inviato un’inchiesta proprio sulle presunte relazioni che potrebbero legare la grande G alla società della mela morsicata, soprattutto ora che le strade dei due soggetti potrebbero intersecarsi più facilmente. È cosa nota infatti che l’interesse per i sistemi operativi per telefoni cellulari sia una questione all’ordine del giorno tanto per Steve Jobs (per via dell’iPhone), quanto per la coppia Brin – Page (sviluppatori di Android). Cosa che avrebbe suggerito all’Autorità di tenere sotto stretta osservazione i due colossi e i rispettivi membri del Cda. (Marco Menoncello per NL)
 
05/05/2009 15:35
 
NOTIZIE CORRELATE
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.
Dopo Google, anche Apple lancia la sua idea per innovare il piccolo schermo: si chiama "Tv", un’applicazione che, come il set top box di Mountain View, mira a creare, come dice il ceo Tim Cook (foto), “un unico posto in cui accedere a tutti i vostri show tv e ai film”.