Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Chip ST-Ericsson: radio e musica su cellulari
(Radio Passioni) - L'estate scorsa una joint venture paritaria portò al matrimonio tra le attività nel mercato della mobilità e del wireless del silicio progettato in casa STMicroelectronics e NXP, società di semiconduttori fondata da Philips mezzo secolo fa. Successivamente, nel febbraio di quest'anno, ST-NXP Wireless e Ericsson hanno concluso gli accordi di joint venture (altrettanto paritaria) per la creazione di ST-Ericsson, un operatore "nuovo" nel marchio ma non nella già consolidata tradizione che si presenta in partenza come fornitore di quattro tra i cinque più importanti costruttori di telefonini e palmari e un fatturato di 3,6 miliardi di dollari. Ieri ST-Ericsson ha comunicato la disponibilità di un nuovo chip per applicazioni audio su dispositivi per reti cellulari, modello STw521. Un chip che combina l’innovativa tecnologia Playback Time Extender (PTE™) della ST-Ericsson con un rapporto signal-to-noise di 102dB, che permette agli EOM di creare telefoni con funzionalità per la musica dotati di livelli altissimi di qualità audio e di un tempo di riproduzione raddoppiato rispetto alle 10 ore standard attuali. Generalmente, migliorare la qualità e le funzioni aumenta il consumo di energia. Con la tecnologia PTE - afferma ST-Ericsson - l’ STw521 riproduce la musica autonomamente, mentre il resto della piattaforma è in stand-by. Questo permette di risparmiare le batterie senza compromessi sulla qualità dell’audio. STw5211 estende ulteriormente il già ampio portafoglio ST-Ericsson di soluzioni audio con prestazioni potenziate. La produzione in volumi di STw5211 è prevista per agosto 2009, con campioni disponibili in aprile. Nel catalogo ST-Ericsson è presente anche una famiglia di componenti single on chip per l'integrazione a bordo dei telefonini di funzionalità di sintonia radio FM con RDS (modelli TEA5990/91).
 
07/04/2009 20:46
 
NOTIZIE CORRELATE
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.
"Sarà convocato a breve dal Sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli un Tavolo per il rilancio del digitale radiofonico e per il riordino delle frequenze, a sostegno di un comparto mai così innovativo come in questa stagione ma che ha necessità di impulsi positivi per una evoluzione tecnologica e industriale".
Un altro anno è passato e la radio digitale terrestre in Italia (così come in molti altri paesi europei) rimane poco più di un intento. Così, mentre il broadcasting IP sta galoppando un po' ovunque, da noi si assiste alla lotta con armi spuntate per la destinazione del canale 13, considerato come l'illusoria soluzione alla ventennale empasse di una tecnologia che, dopo oltre 30 anni dalla sua presentazione, non è ancora riuscita ad affermarsi.