Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Cina: bloccare il porno sul web non basta. Ora manco il pop va bene al governo
E' lecito chiedersi se in Cina Internet possa garantire ancora le funzioni che ne hanno fatto la rivoluzione commerciale, sociale e informativa mondiale.
E ciò considerate le pesanti restrizioni che il governo cinese impone sempre più ad ogni sfaccettatura della rete; le richieste avanzate ai produttori di pc, i quali avrebbero dovuto – o devono? – predisporre browser che filtrino automaticamente ciò che in Cina è considerato scomodo;  le battaglie sostenute contro Google (e talvolta vinte) per limitare i risultati sulla ricerca di determinati vocaboli. Alla luce di tali barriere, molti avranno pensato: non farebbero prima ad eliminare il web dalla Repubblica Popolare Cinese? E la domanda risulta ancora più chiara di fronte all’ultimo incredibile passo governativo: la musica pop proveniente dai paesi occidentali dovrà essere tradotta, allo scopo di prevenire la divulgazione online di argomenti considerati “dannosi” per il pubblico più giovane. Nulla di nuovo per le rockstar internazionali, che di fatto hanno sempre dovuto trattare con i governi per gestire le proprie esibizioni concertistiche nel Paese. Ma si tratta comunque dell’ennesimo filtro ingiustificato per la Cina, dell’ennesima mossa anti-democratica, destinata a estraniare la popolazione dal resto mondo, limitando ancora una volta l’accesso alle informazioni, qualunque ne sia il genere. Sta di fatto che, dal 31 dicembre in poi, chiunque vorrà aprire un sito musicale dovrà presentare tutto il materiale che intende pubblicare ad una particolare commissione, che si occuperà di rilasciare un parere attraverso il quale potranno essere controllati non solo i testi, ma anche videoclip musicali, tra i quali i più volgari o “di cattivo gusto” verranno esclusi dal mercato cinese. Insomma, un’artista come Madonna (una delle più “pericolose” per il governo locale) perderà la possibilità di essere ascoltata da oltre un miliardo di potenziali utenti, e consumatori. (Marco Menoncello per NL)
13/09/2009 14:56
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
Sono almeno vent'anni che la Cina e le sue imprese si stanno rapidamente imponendo come protagonisti di rilievo nella scena mondiale.