Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Cineserie. Diritti violati. E non quelli d’autore
Il Governo cinese intima ai produttori di pc di pre-installare un software in grado di bloccare automaticamente l’accesso ai siti internet sgraditi. Il Governo decide, le imprese straniere si accodano. Funziona così, almeno in Cina. Anche se in ballo ci sono i diritti di migliaia e migliaia di persone. Si fosse trattato di diritti d’autore o connessi, c’è da scommettere che qualche forma di contenzioso ci sarebbe stata. Invece, dal momento che si tratta “solo” del diritto ad essere informati, le multinazionali non fanno una piega, e si apprestano a seguire i dettami governativi. I quali prevedono che dal primo luglio prossimo su tutti i pc venduti in Cina sia pre-installato un software che è in grado di bloccare automaticamente l’accesso ai siti considerati sgraditi. Ma sgraditi a chi? Al Governo cinese ovviamente. Che avrà la facoltà di creare e aggiornare automaticamente una black list di siti vietati a cui gli internauti cinesi non potranno mai accedere. Si potrebbe chiamare censura preventiva, ma non diciamolo troppo forte. E i produttori di pc? Pare si stiano lamentando per non essere stati consultati per tempo e perché i tempi per adeguarsi al nuovo regolamento sono troppo stretti. Ma c’è da attendersi che si adegueranno alle nuove disposizioni. Come a suo tempo hanno fatto Microsoft, Google, Yahoo! e Youtube. Perché va bene tutto, ma il business è business. (Davide Agazzi per NL)
 
09/06/2009 16:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Sono almeno vent'anni che la Cina e le sue imprese si stanno rapidamente imponendo come protagonisti di rilievo nella scena mondiale.
Facebook starebbe lavorando, secondo quanto riporta il New York Times, a un sistema automatico in grado di censurare determinati contenuti dalla sezione notizie sulla base dell’appartenenza geografica.
I cinesi ci provano anche con la radio digitale, lanciando un DAB in FM (ma adattabile anche alle onde medie), con un formato, chiamato CDR (China Digital Radio), che si sovrappone alla consolidata tecnologia USA HD Radio e al DRM (qui i dettagli comparativi).
Dopo la joint venture definita nei giorni scorsi con il gruppo Class Editori relativamente alla superstation captive Radio Classica (diffusa in vaste aree del nord, centro e sud Italia), di cui abbiamo dato conto su queste pagine, la Italian International Radio and Media ha definito un'altra importante operazione.
Class Editori ha siglato ieri una joint venture con Italian International Radio and Media, società radiofonica di diritto italiano che fa riferimento al gruppo cinese HMI.