Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
"Cleptomania" di news sul web, Google risponde a Murdoch: “Può andarsene quando vuole!”
Nel corso di un'intervista su Sky News Australia, Rupert Murdoch aveva minacciato Google di andarsene dalla sezione News.
L’idea sarebbe quella di non consentire più all’aggregatore di notizie di Mountain View di utilizzare liberamente i contenuti tratti dai quotidiani online di NewsCorp. La “cleptomania di contenuti” – così l’avrebbe definita il magnate australiano – sarebbe una delle ragioni dell’attuale crisi economica dell’editoria e, in particolare, del crollo degli introiti derivanti dalla raccolta pubblicitaria. La risposta di Google non si è però fatta attendere. Secondo l’azienda di Page e Brin, i quotidiani di Murdoch, come di chiunque altro, possono togliere da Google News i propri contenuti come e quando vogliono. Il sistema – spiegano da Google – consente infatti a chi è contemplato nell’aggregatore di richiedere regolarmente la disattivazione automatica dal servizio. A ciò però aggiungono – naturalmente senza mezzi termini – che Google News rimane comunque un mezzo promozionale impareggiabile. Un sistema che consente di garantire ai maggiori quotidiani online qualcosa come 100mila click al minuto. Considerando però le ultime dichiarazioni di Murdoch, Wsj.com, Times online e Sun online non avrebbero difficoltà a attirare tanti lettori. Ragion per cui il passo anti-Google, entro il 2010, rimarrebbe obbligato. (Marco Menoncello per NL)
 
11/11/2009 12:09
 
NOTIZIE CORRELATE
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
News Corp chiude in perdita il suo secondo trimestre fiscale: determinanti gli oneri dovuti alle attività australiane connesse alla stampa. Il gruppo editoriale di Rupert Murdoch che pubblica, tra gli altri, il Wall Street Journal e The Sun, ha rilevato un rosso di 219 mln di dollari nei tre mesi al 31 dicembre scorso contro i 106 mln del periodo omologo dell'anno precedente.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Perdite di 38,1 mln di euro per Sky Italia nei conti 2016 (almeno fino al giugno di quest’anno), sebbene con un fatturato in crescita che ha raggiunto 2,8 miliardi, di cui più dell’80% derivato dagli abbonamenti residenziali della pay tv.