Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Commercio elettronico: non esiste ancora un mercato unico europeo. La Commissione Europea punta sulla semplificazione giuridica per favorirne lo sviluppo

Attenzione: per visualizzare la notizia è necessario abbonarsi al S.I.T. di Consultmedia.

Per informazioni sulle modalità di abbonamento clicca qui.

26/10/2009 09:03
 
NOTIZIE CORRELATE
Il 28 novembre il Consiglio europeo ha approvato un progetto di regolamento che vieta i blocchi geografici ingiustificati tra Stati membri, pratica discriminatoria che impedisce ai clienti online di accedere e acquistare prodotti o servizi da un sito web basato in un altro Stato membro.
La Commissione Europea ha presentato una nuova proposta per l’abolizione dei sovrapprezzi sul roaming all’interno della Comunità entro giugno 2017, dopo aver scartato la precedente a causa delle diverse lamentele.
Alcune tra le più importanti case editrici tedesche (chiamando a raccolta anche imprese svedesi, danesi e italiane) hanno chiesto al presidente russo Vladimir Putin di rinviare di un anno il divieto per gli stranieri, di possedere più del 20 per cento della proprietà di media russi.
Gli Stati sono tenuti ad adottare adeguate misure per garantire una sicura custodia delle intercettazioni telefoniche depositate in un fascicolo processuale.
Mosca e’ irritata dall’ipotesi di creare nella Ue un canale di contro propaganda in russo, capace di trasmettere anche nelle repubbliche ex sovietiche legate a Bruxelles dalla partnership orientale (Ucraina, Georgia, Moldova, Bielorussia, Armenia e Azerbaigian).