Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Convergenza tecnologica, telefonia: il futuro dei cellulari è in banda larga
Cresce e migliora il mercato dei telefonini a banda larga. Telecom Italia e Ericsson saranno i primi operatori a introdurre l’ultra-broadband mobile. Il numero di cellulari capaci di utilizzare la banda larga è cresciuto del 102% nell’ultimo anno.

 A dichiaralo è Alan Hadden, presidente del Gsa, la Global mobile suppliers association. Secondo uno studio effettuato da Cisco il traffico mobile di dati aumenterà di 66 volte grazie alla banda larga e alla diffusione dei video. Nel 2013 il 64% del traffico sui cellulari sarà generato dal mobile video e 2 miliardi di gigabyte al mese saranno scaricati sui telefonini. L’evoluzione della 3G, infatti, unita alla tecnologia Hspa (High speed racket access) permette di raggiungere i 7,2 megabit al secondo in ricezione sulla rete mobile di Telecom Italia. Quest’ultima, insieme ad Ericcson, sarà il primo operatore a introdurre l’ultra-broadband mobile. A partire da giugno, la super banda larga, con velocità da 28 megabit al secondo in download e 5,8 megabits in upload, farà il suo ingresso nel mercato. “I servizi e le applicazioni del social web come YouTube, Facebook o Skype, richiedono la banda larga cioè un’elevata capacità trasmissiva – spiega Cesare Avenia, amministratore delegato di Ericsson Italia – e per i nuovi servizi multimediali futuri occorrerà una banda sempre maggiore: per trasmettere un segnale televisivo in Hd, in alta definizione, sono necessari più di 10 megabit al secondo”. L’obiettivo è quello di raggiungere entro fine anno una copertura nazionale che consenta di ottenere nel 2010 velocità fino a 84 megabit al secondo. “La larga banda mobile sta favorendo lo sviluppo di strumenti innovativi per accedere al web come i pc ultraleggeri e gli smartphone di nuova generazione – prosegue Avenia – questa carica innovativa sta facendo del mobile broadband il servizio più promettente degli ultimi anni nell’ict, con un tasso di crescita annuo a tre cifre”. L’Italia è seconda solo alla Gran Bretagna in Europa per il mobile Internet. Quasi otto milioni di italiani si connettono al web usando il telefonino (il 15% dell’utenza mobile) e 2,6 milioni consultano i video dal cellulare. “La larga banda migliora la user experience, la sensazione provata durante l’uso del cellulare e l’invio di contenuti multimediali generati dall’utente – conclude Andrea Rangone, responsabile dell’osservatorio mobile content al Politecnico di Milano – La velocità di navigazione e l’arrivo di tariffe convenienti sono le variabili per far crescere il mobile Internet”. (Sara Fabiani per NL)

30/03/2009 06:36
 
NOTIZIE CORRELATE
In arrivo il 5G anche in Italia dopo una lunga attesa. All’evento “Quale 5G? Il Parlamento Europeo e una roadmap nazionale” si è fatto il punto sui passi avanti dell'Italia nel passaggio alla nuova tecnologia: “abbiamo scelto di sentire gli operatori tlc e altri stakeholder per capire quale tipo di 5G vogliamo costruire, in base al tipo di servizi che saranno sviluppati – ha sottolineato il senatore Pd Sergio Boccadutri presente al meeting – mobilità, salute, telemedicina, realtà virtuale, energia e gamification sono solo alcuni esempi dei nuovi servizi che saranno sviluppati con il 5G”.
Il fenomeno del “digital divide” (divario esistente tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione e chi invece ne è escluso, in parte o del tutto) è stato notevolmente ridotto, ma preoccupante è la questione riguardante i ritardi cronici in termini di realizzazione delle infrastrutture necessarie per le comunicazioni a banda larga nelle zone a fallimento di mercato a causa di procedimenti di rilascio dei permessi da parte degli enti amministrativi troppo lunghi.
Consiglio e Parlamento, nel corso del 'trilogo' con la Commissione europea, hanno raggiunto un accordo politico sull'uso delle frequenze di 700 Mhz per i servizi mobili che sara' disponibile per la banda larga facilitando l'introduzione dei dispositivi 5G entro il 2020.
Dopo la firma degli accordi di programma e delle convenzioni operative tra il Mise e le Regioni interessate è stato pubblicato da Infratel Italia Spa il bando di gara per la costruzione e gestione di infrastrutture passive per la banda ultralarga nelle aree bianche delle regioni Piemonte, Valle D’Aosta, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Basilicata, Sicilia e della Provincia autonoma di Trento.
Il prossimo 14 luglio nell'ambito della Federal Communications Commission (FCC) verrà votata la proposta Spectrum Frontiers, con cui potrebbero essere assegnati alla tecnologia 5G fino a 14 GHz dello spettro radioelettrico.