Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Crisi editoria. Gli “Stati generali” francesi rilanciano la carta stampata. E in Italia?
Si è svolto ieri a Milano, presso la Fondazione “Corriere della Sera”, un dibattito che ha avuto come protagonista l’esperienza avviata in Francia con la convocazione dei cosiddetti “Stati generali della carta stampata”, voluti dal presidente Nicolas Sarkozy al fine di rilanciare il giornalismo scritto, sia su carta che su internet.

Come si legge sul “Corriere della Sera” (edizione 16/04/2009), ad illustrare il modello francese è intervenuto Bernard Spitz, giornalista e docente di Economia della comunicazione alla Sorbona e coordinatore degli “Stati generali”. Spitz - durante il dibattito aperto da Piergaetano Marchetti, presidente di Rcs Quotidiani - ha spiegato come l’iniziativa, avviata nei mesi scorsi, si basi sulla partecipazione ed il confronto tra editori, politici, giornalisti ed esponenti del mondo della cultura, e abbia già portato innovazioni “ad esempio nella distribuzione o nella pubblicità istituzionale”. Tra gli interventi concreti previsti nell’ambito di tale modello, rientra il diritto, riconosciuto a chi compie 18 anni, di poter fruire in maniera gratuita e per dodici mesi, dell’abbonamento ad un quotidiano a scelta. Apprezzamenti in merito all’esperienza transalpina sono stati espressi dal coordinatore del dibattito, il direttore del “Corriere della Sera” Ferruccio De Bortoli, secondo il quale “il metodo francese ci dice che questa non è un’industria come le altre, ma un pezzo dell’identità nazionale: una consapevolezza culturale che purtroppo qui non c’è”. Un modello, dunque, a cui guardare e da promuovere, come è stato dichiarato dagli altri partecipanti all’incontro, quali il segretario della Fnsi, Franco Siddi, ed il presidente della Fieg, Carlo Malinconico. (D.A. per NL)

17/04/2009 17:13
 
NOTIZIE CORRELATE
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.