Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Crisi editoria. L’Espresso, tagli chirurgici. Cdr inquieto, ma Piazza affari apprezza piano risanamento
E' di 140 milioni di Euro il taglio dei costi comunicato ufficialmente il 6 luglio dal Consiglio di Amministrazione del Gruppo Editoriale l'Espresso Spa (circa il 17% dei costi sostenuti dal gruppo nel 2008). Il fine è quello di adattare le scelte economiche della società allo stato di crisi in cui l'intero settore versa, caratterizzato dalla forte contrazione degli investimenti pubblicitari: primaria fonte di sostegno delle imprese editoriali. Gli interventi previsti dal progetto non toccheranno la fisionomia e la qualità dei prodotti (anzi, si prevedono ulteriori investimenti in risorse e tecnologia, soprattutto per Repubblica.it), ma sarà indirizzata verso le attività ritenute poco redditizie: foliazione e formati delle varie testate in primis. Questo, insieme alla previsione di una maggiore intensificazione delle sinergie tra La Repubblica e le testate locali, dovrebbe garantire un abbattimento dei costi industriali di circa il 22% rispetto al 2008. Un ulteriore risparmio di circa il 15% rispetto all'anno scorso dovrebbe essere garantito dalla riduzione delle spese nell'ambito redazionale, di gestione e di amministrazione delle varie testate. Si parla anche, ma le voci non sono confermate, di tagli al personale, sia poligrafico sia giornalistico, che arriverebbero fino a 60 unità solo per il quotidiano. Per ora il sindacato non si esprime: dopo l'incontro del management con il CDR, che di fatto ha aperto la trattativa sindacale, si è tenuta ieri l'assemblea dei redattori per la discussione del problema. Tutto sembra evidenziare che non sarà di facile soluzione e che i benefici previsti dal CDA dal piano di riduzione dei costi dispiegherà i suoi effetti non prima del 2011 e non già l’anno prossimo, come inizialmente previsto dal gruppo editoriale romano. Intanto Piazza Affari ha gradito il piano d'intervento: all'annuncio ufficiale del programma di risanamento il titolo è schizzato a + 5,27% già nelle prime ore di contrattazione, raggiungendo punte del 6%. Anche gli analisti di Chevreux hanno alzato le previsioni di Eps (utile per azione) sia per il 2009 (+ 17%) sia per il 2010 (+52%), mentre Banca Akros migliora il giudizio sul titolo alzandolo da “sell” (vendere) a “hold” (mantenere in portafoglio). (G.M. per NL)
09/07/2009 13:53
 
NOTIZIE CORRELATE
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.
Secondo l’ultima ricerca Nielsen, nel 2016 il mercato pubblicitario italiano del settore dei media/telecomunicazioni ha fatto registrare un aumento del 3,6% rispetto all’anno precedente per una raccolta complessiva pari a 8,2 mld di euro.
Gira e gira, i player sono sempre quelli e quindi Radio Italia, abbandonata per imposizione dell'Antitrust, Mediamond, la concessionaria captive di Mediaset e conclusa senza un nulla di fatto la lunga trattativa con Discovery (si dice perché il gruppo americano volesse anche partecipare al capitale della radio), torna da Manzoni, polo L'Espresso, editore di Radio Dee Jay, Capital ed m2o (la raccolta della tv di Volanti sarà invece appannaggio di Viacom Advertising & Brand Solutions, la concessionaria di Viacom Italia).
Diventa sempre più faticoso seguire Mediaset fra un tribunale e l’altro. Infatti, se da un lato, a Milano, l’udienza con i francesi di Vivendi per la vicenda Premium è stata rimandata, il gruppo di Cologno ha ottenuto un verdetto di primo grado favorevole a Roma contro il gruppo l’Espresso, condannato a risarcirli per 250mila euro.
Nuovo polo editoriale da 750 mln di ricavi 800 mila copie diffuse in arrivo a seguito dell’acquisizione da parte di Espresso di Itedi; difficile identificare con certezza le ragioni dell’operazione. Ora la palla passa alle autorità per verificare eventuali minacce alla concorrenza.