Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Crisi. FNSI, Siddi: “Gli ammortizzatori sociali anche per i giornalisti autonomi”
«Il provvedimento sugli ammortizzatori sociali per i lavoratori precari che restano a lungo senza reddito dovrà includere anche quanti si vengono a trovare in questa condizione ma non siano, come nel caso dei giornalisti, iscritti all'Inps bensì a gestioni sostitutive come quella dell'Inpgi. Perchè non ci siano esclusi occorre che questa precisazione sia contenuta nel testo del provvedimento che sarà inviato alle Camere». È la richiesta di Franco Siddi, segretario della Federazione nazionale della stampa. «La misura decisa oggi dal governo ha un indubbio rilievo sociale, che deve riguardare anche i giornalisti autonomi collaboratori, titolari di solo reddito autonomo - afferma Siddi - la gran parte dei quali è costretta a vivere una condizione di precarietà che la congiuntura attuale rende ancora più debole, determinando interruzioni traumatiche dei rapporti di collaborazione e quindi assenza di reddito per lungo tempo. Giustizia sociale vuole che essi vengano considerati, in termini di protezione sociale, sullo stesso piano degli altri lavoratori autonomi. Occorrerà dunque che il governo si faccia carico dell'opportuna specificazione normativa, evitando problemi del passato che hanno costretto a defatiganti iniziative per correggere distorsioni forse solo apparentemente di natura tecnica». «Recentemente - ricorda il segretario della Fnsi - abbiamo avuto modo di proporre questa problematica al ministro del Lavoro Sacconi ed al sottosegretario Bonaiuti, i quali avevano dato massima disponibilità ad un intervento ispirato a principi di equità. La Federazione nazionale della stampa si attende che anche questo elemento diventi un tassello della costruzione di un sistema di ammortizzatori sociali che non faccia figli e figliastri e che, per quanto riguarda l'editoria, possa essere utilmente aggiornato attraverso un puntuale confronto con le parti sociali». (ANSA).
14/03/2009 09:00
 
NOTIZIE CORRELATE
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.