Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Dagli Usa alla Spagna: il giornalismo è in crisi
(Adg Informa) - Crisi, crisi e ancora crisi. Purtroppo dal mondo dell’editoria continuano le notizie non positive, dal vecchio al nuovo continente. Il “New York Times” ha tagliato i dividendi a zero, prima volta assoluta nella storia della famosa testata. La decisione è stata presa per fare fronte a una crisi di liquidità dovuta al calo negli introiti pubblicitari. Il consueto pagamento mensile verrà quindi dilazionato di 30 giorni. Dall’altra parte dell’oceano, invece, l’Associazione stampa madrilena stima a 5mila il numero di giornalisti che perderanno il posto entro il 2010. A partire dalla scorsa estate, infatti, sono già 1.600 i redattori rimasti senza lavoro. Dall’inizio dell’anno la pubblicità è calata del 30%, sono state annunciate riduzioni del personale di più testate e anche la stampa free press non sta raccogliendo buoni risultati, tanto che l’edizione spagnola di Metro ha chiuso battenti. Ora l’Associazione Stampa Madrilena da un lato e l’Associazione editori spagnoli dall’altra si sono rivolte al governo Zapatero per un aiuto, anche di carattere finanziario. (Chiara Ciardelli - Agenda del giornalista Informa)
24/02/2009 18:14
 
NOTIZIE CORRELATE
Non si placano gli animi dei giornalisti romani dipendenti di Mediaset, preoccupati per un ridimensionamento della sede del Tg5. Solo pochi giorni fa l’incontro tra i vertici del Biscione e i sindacati del settore sembrava aver fugato dubbi e timori circa un intervento sulla sede capitolina.
Nel corso di una verifica ispettiva dell’INPGI svoltasi nel 2013, è stato rilevato che l’attività di alcuni giornalisti, consistita nel confezionamento di notizie e nel coordinamento di oltre 400 blogger, era da considerarsi, a tutti gli effetti, attività giornalistica.
Luca Svizzeretto, giornalista del quotidiano Nuovo Oggi e speaker dell'emittenza locale capitolina è morto a soli 38 anni a causa di complicazioni dovute alla malattia di Crohn.
Anche il Papa e' stato informato della morte a Cracovia, dove era inviata per la Gmg, Anna Maria Jacobini, giornalista di "A sua immagine".
Come noto, ai sensi del c. 1 dell’art. 1 della L. 62/2001, per “prodotto editoriale” si intende “il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici”.