Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Decoder unico, Agcom: al via gli accertamenti per l'introduzione
E' stata pubblicata sulla GU N 261 del 9/11/2009 la Delibera Agcom 523/09/CONS relativa all'istruttoria sulle caratteristiche dei decodificatori per la ricezione dei programmi televisivi in tecnica digitale e sulle iniziative utili all'adozione di un «Decoder unico».
Dal 9 novembre decorrono quindi i 180 giorni per la conclusione del procedimento. Nel corso dell'istruttoria si dovranno accertare le caratteristiche delle diverse tipologie di apparati per la ricezione dei segnali televisivi digitali attualmente commercializzati in Italia. Dovrà inoltre essere condotta "la ricognizione della conformita' degli accordi di cessione delle licenze per i sistemi di accesso condizionato alla luce della normativa di settore" e si dovrà mettere a punto, sentite le associazioni dei consumatoriun sistema di "classificazione dei decoder presenti sul mercato nazionale per fornire ai consumatori uno strumento di conoscenza che consenta una maggior consapevolezza nell'acquisto e nell'utilizzo di tali apparati". Infine, dovranno essere individuate "tutte le iniziative utili all'adozione di un «decoder unico», in relazione all'evoluzione tecnologica e di mercato in corso, con l'obiettivo di tutelare piu' efficacemente gli interessi degli utenti nel rispetto del quadro comunitario". L'istruttoria e' svolta congiuntamente dai seguenti organi dell'Agcom: Direzione contenuti audiovisivi e multimediali; Direzione reti e servizi di comunicazione elettronica e Direzione tutela dei consumatori.
11/11/2009 09:53
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
“L’operazione condotta dalle Unità speciali della Guardia di Finanza che ha portato all’oscuramento di 41 siti web che consentivano la visione illecita di film e eventi sportivi in violazione del diritto d’autore, rappresenta un importante colpo inferto alla pirateria on line”.
Attraverso il provvedimento in titolo l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha fissato le misure della contribuzione dovute per l’anno 2017 dai soggetti operanti nei settori delle comunicazioni elettroniche e dei servizi di media, nonché le modalità di versamento e il modello telematico per la dichiarazione dei dati (che sarà pubblicato con successivo provvedimento).
L'Agcom ha dato conto delle modifiche apportate alla delibera n. 666/08/CONS a seguito dell’entrata in vigore della legge 232/2016.