Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale radiofonico: regolamentazione in arrivo?
Dunque, di DAB, la prima volta se ne è parlato, in Italia, intorno alla seconda metà degli anni ’80. Oltre venti anni fa, quindi. Poi, dopo due lustri di naftalina, nell’ultimo biennio del secolo scorso, si è partiti alla stragrande, con autorizzazioni a termine, sperimentazioni sconclusionate e confusione senza parsimonia.
Questo dalla parte del regolatore e degli operatori. Dalla parte dell’utenza (ricevente), invece, zero assoluto. Vitalità del mercato dei ricevitori da elettroencefalogramma piatto e totale indifferenza del pubblico ancora saldamente legato all’FM. Dall'inizio del millennio si è, in maniera altalenante, tornati sull’argomento e, con analogo esito, sono state tentate altre sperimentazioni. L’unica cosa buona che è stata conseguita, dopo aver buttato al vento milioni di euro, è stato il riconoscimento, più o meno esplicito, del principio della neutralità tecnologica. In pratica: provate i vari formati (DAB, DAB+, DRM, DMB, DAB-S, fmeXtra, HD Radio, ecc.) e vinca il migliore. Un po’ come successe negli anni ’70 con gli standard dei videoregistratori (VHS, Betamax, Video 2000) e sul finire degli ’80 nella guerra tra CD, DAT e Minidisk. Certo che, viste le difficoltà connesse alla migrazione del monoformato digitale televisivo (DVB-T, con derivazione mobile DVB-H), ben si può immaginare cosa accadrà con la radio. Del resto, non ci vuole un genio per capire che finché non si consoliderà sul mercato globale (e non certamente solo su quello nazionale) la tecnologia univoca, ben difficilmente i produttori di ricevitori si lanceranno con convinzione nella realizzazione e distribuzione. Per quanto riguarda poi l'utenza, qualcuno dovrebbe magari riflettere sulle relative reali esigenze. Non pare, infatti, che tra gli ascoltatori regni questa grande attesa di una sostituzione della radio analogica in modulazione di frequenza. Non può poi sottacersi che le esperienze dei paesi europei a riguardo siano state finora molto istruttive a riguardo dei facili quanto finanziariamente tremendi fallimenti in cui si può incorrere introducendo tecnologie non (ancora) richieste. Vedremo quindi come andrà a finire l’ennesimo tentativo di regolamentazione atteso entro l'estate da Agcom. Intanto, però, la radio via Internet è già ascoltata da oltre il 20% degli italiani. Anche in movimento. Ci sorge quindi un dubbio: che la radio digitale sia già arrivata e si sia accomodata senza che i nostri esperti se ne siano accorti? (S.C. per NL)
05/04/2009 20:54
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
“L’operazione condotta dalle Unità speciali della Guardia di Finanza che ha portato all’oscuramento di 41 siti web che consentivano la visione illecita di film e eventi sportivi in violazione del diritto d’autore, rappresenta un importante colpo inferto alla pirateria on line”.
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
“Non vi sono frequenze sufficienti per permettere l’avvio del digitale a regime nei 23 bacini non ancora pianificati”; a dirlo non è uno dei tantissimi scettici del DAB+, la radio “digitale”, ma Marco Rossignoli, coordinatore di Aeranti-Corallo, supporter della tecnologia numerica terrestre di radiodiffusione sonora.