Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, a regime si rivedranno i tetti pubblicitari. Romani: Non è vero!
Non c’e’ da parte nostra l’intenzione di fare una nuova legge”. Il normalmente silenzioso viceministro allo Sviluppo Economico, Paolo Romani, questa volta parla, eccome. Del resto c'è da rispondere ad un malizioso articolo del settimanale L'Espresso che paventa la possibilita’ che il Governo riveda i tetti pubblicitari con il passaggio al digitale terrestre (a vantaggio di chi è facile immaginarlo). Così Romani, a margine della presentazione dello switch-over analogico/digitale in Campania, smentisce l'affermazione del periodico vicino all'opposizione, rispondendo all'interlocutore che aveva chiesto un'improbabile conferma di tale intendimento: “Se si riferisce all’articolo dell’Espresso di oggi io non ho detto le cose che sono scritte in quell’articolo. Ho detto in altre occasioni che il livellamento della concorrenza tra le diverse piattaforme ci puo’ consentire, in un processo lento di approfondimento, di verificare se ci debbano essere nuove regole. Ma non e’ un problema ne’ di oggi ne’ di domani”. Probabile allora che quella decisione sia prevista per dopodomani.
18/07/2009 18:55
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.