Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, Comcast (USA) interessata al mercato italiano. Ma con "ruolo di rilievo e non di semplici fornitori"
La nostra intenzione e’ quella di trovare un partner per sviluppare un nuovo modello di tv a pagamento”.
Lo afferma, in un’intervista al Sole 24 Ore, il presidente di Comcast International Media Group (la divisione di Comcast che studia le operazioni all’estero), Kevin MacLellan. “Siamo alla ricerca di un partner internazionale - aggiunge - Abbiamo iniziato a guardarci intorno: dal Brasile alla Germania, e l’Italia e’ sicuramente un Paese interessante”. MacLellan spiega di aver avuto “due giorni di incontri tra Roma e Milano, ho visto i vertici di Rai, Mediaset e Sky, ma quest’ultima e’ stata una visita di cortesia, non mi risulta che pensino di investire nel digitale”. Secondo MacLellan, in Italia “per adesso la pay tv non ha funzionato, basta vedere le difficolta’ di Mediaset per arrivare al break even. Entro la fine di luglio tornero’ in Italia per un secondo giro di incontro. A quel punto l’obiettivo ssara’ capire chi e se c’e’ qualcuno davvero interessato a una partnership con il nostro gruppo”. La collaborazione potrebbe avere la forma di “un ingresso nell’azionariato o un accordo sulla produzione dei contenuti. L’unica cosa importante e’ avere un ruolo di rilievo e non di semplici fornitori”. Infine, a proposito della Rai, MacLellan sottolinea che “potrebbe decidere di rompere il tabu’ della tv di Stato gratuita. In Gran Bretagna e’ success con Channel 4. Una strada che potrebbe seguire anche Viale Mazzini, magari attraverso una joint venture con noi”. (MF-DJ)
30/06/2009 13:48
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.