Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre: completato lo switch-off della Val d'Aosta. Domani tocca al Piemonte
Nella giornata di ieri, martedì 22 settembre, si sono concluse le operazioni di switch off per la Valle d’Aosta. In tutta la regione si è svolta, infatti, la transizione dal sistema televisivo analogico al digitale terrestre.
Dal 14 settembre scorso, giornata d’inizio di questa delicata fase di passaggio, tutti i 74 comuni della Valle, sono stati progressivamente coinvolti nell’innovazione che connota la scelta tecnologica nazionale ed europea, interessando circa 42 mila famiglie di abbonati TV. Le fasi dello switch off sono state costantemente monitorate da un comitato tecnico, riunito da domenica 13 settembre negli uffici di INVA Spa, sotto il coordinamento scientifico del Dipartimento per le comunicazioni del Ministero dello Sviluppo economico e con la supervisione del DIT (Dipartimento innovazione tecnologica) della Regione Autonoma Valle d’Aosta. Particolare attenzione è stata posta dalla Regione all’assistenza ai cittadini: al numero verde nazionale è stato affiancato un numero verde regionale per le informazioni e l’intervento tecnico gratuito a domicilio, per risolvere quei piccoli problemi che, inevitabilmente, possono sorgere in una iniziativa di così vasta portata. Le chiamate al call center allestito presso l’INVA Spa, in Regione Borgnalle, sono state, ieri, lunedì 21 settembre, 677, per 338 interventi attivati. Complessivamente, ad ieri, le chiamate sono state 8.435 per 3.095 interventi attivati. Il numero verde regionale resterà attivo dalle 7.30 alle 21, tutti i giorni, festivi compresi, fino al 12 ottobre 2009 e dalle 7.30 alle 17.30, dal lunedì al venerdì, fino al 30 dicembre 2009.
Archiviata la migrazione della Val d'Aosta tocca ora al Piemonte occidentale, cioè l'area tecnica 1 (Torino e Cuneo) che, chiamata allo switch-off da domani, dovrà tuttavia scontare una considerazione certamente più scarsa (è un eufemismo) da parte della Regione, sia nei confronti delle emittenti che verso l'utenza. L'unica soddisfazione è che a supportare le operazioni sul piano tecnico c'è, insieme alla task force centrale del MSE-Com e della Fondazione Bordoni, l'I.T. Piemonte e Val d'Aosta, organo che sino ad ora ha dimostrato organizzazione ed efficienza anche in situazioni d'emergenza.
22/09/2009 22:09
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
"La famiglia Tacchino, proprietaria delle emittenti, decide il licenziamento del 60% delle lavoratrici e dei lavoratori di Telecity-Telestar-Italia 8 e la contestuale chiusura delle sedi di Torino e Genova." Lo annuncia una nota congiunta di Fnsi e Slc Cgil.