Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre: concluso (in maniera non indolore) lo switch-off in Piemonte, si avvia lo switch-over in Campania
Fino ad ora nessuna fase di switch-over ha provocato particolari problemi. Ma in Campania, dove esso è atteso per il 14 ottobre, la cosa potrebbe essere diversa.
Già, perché quella è una delle terre radioelettriche più complesse del panorama italiano. E non certo per l'orografia, bensì per il numero di impianti funzionanti (diversi dei quali notoriamente irregolari), per la scarsa efficienza del locale Ispettorato Territoriale del MSE-Comunicazioni, per l'elevato numero di operatori presenti e per molti altri piccoli e grandi motivi. C'è di buono che, lì, a differenza che in Piemonte (dove si è finalmente concluso, non in maniera indolore, lo switch-off, come avremo modo di leggere presto in altro articolo), la Regione si è dimostrata particolarmente attiva e foriera di aiuti e di informazioni di supporto. Lo dimostra, tra le molte altre cose, il sito dedicato alla migrazione "Digitale terrestre in Campania", che informa che "Nelle province di Napoli, Caserta e Salerno dal 14 ottobre Rai 2 e Rete 4 trasmetteranno esclusivamente in digitale nei comuni interessati" e che "Dal 1 al 16 dicembre si completerà il passaggio di tutti gli altri canali sull'intero territorio della Campania". Il portale è ricco di informazioni sulla tecnologia numerica, sulla tempistica delle fasi di switch-over e switch-off, sulla normativa, sul prezzario delle installazioni (utilissimo per evitare truffe agli utenti meno preparati sul piano tecnico). Un esempio di attenzione all'evento che si auspica che sia seguito dalle altre regioni chiamate al traghettamento televisivo, per evitare il pianto coccodrillesco piemontese.
10/10/2009 08:40
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).