Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, consumatori: "Tra decoder, piattaforme sat e switch-over è caos"
Altro che panacea di tutti i mali televisivi italiani. L'avvento del DTT, che ha portato seco (tra effetti diretti ed indiretti) nuove piattaforme satellitari e decoder, sta determinando tra gli utenti "il caos". Almeno secondo l'associazione di consumatori Adoc, che denuncia come le informazioni all'utenza siano "poco chiare", i nuovi decoder Tivùsat (che dovrebbe integrare la copertura del DTT in aree remote ma che in realtà è la controffensiva Mediaset/RAI a Sky) "rari e la metà dei cittadini delle regioni in cui si sta attuando il passaggio al digitale terrestre non ha acquistato il decoder". Adoc ha chiesto inoltre a RAI, a fronte del deleterio e contestatissimo oscuramento di diversi programmi sulla piattaforma Sky, di "rispettare il contratto di servizio e garantire la visione dei propri programmi su tutte le piattaforme". "La metà dei cittadini interessati dallo switch over non ha ancora acquistato il decoder - dichiara Carlo Pileri, presidente dell'Adoc - a causa, soprattutto, di un informazione scarsa e poco chiara nei contenuti e nelle modalità di passaggio al segnale digitale. Questi dati sono confermati anche dal vertiginoso calo d'ascolti fatto registrare da luglio in poi da Rai Due e Retequattro, i due canali non più visibili in analogico nelle Regioni interessate". Secondo l'Adoc, il decoder del provider sat Tivùsat, difficile da trovare nei negozi, configura "una violazione della concorrenza e del libero mercato, creando anche un notevole danno economico ai consumatori". L'associazione chiede inoltre alla Rai di non criptare i programmi: "La Rai è finanziata dal canone pagato dai cittadini, non può permettersi di limitare la visione gratuita dei propri programmi su piattaforme concorrenti, deve rispettare il contratto di servizio e garantire la visione dei propri programmi anche ai circa 5 milioni di abbonati Sky".
 
 
 
12/09/2009 11:30
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.