Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre. D'Angelo (Agcom): bando per il dividendo frequenziale
Ci risiamo. Periodicamente riappare la storia dell'asta delle (presunte) frequenze in esubero. Ci aveva provato qualche tempo fa l'ex MinCom, con un bando per una gara di assegnazione di ipotetiche frequenze analogiche inutilizzate. Figuriamoci. Frequenze libere? Quando mai, in Italia? Ora se ne riparla (e speriamo non se ne straparli come al solito), con la "nuova" definizione di "dividendo digitale", cioe' le risorse radioelettriche che verranno (verrebbero) liberate dal passaggio alla televisione digitale, e che, per il commissario dell'Agcom Nicola D'Angelo, dovrebbe essere l'occasione per tutelare il pluralismo e la concorrenza. Ne tratta un'intervista a D'Angelo che sara' pubblicata sull'ultimo numero del Corriere delle Comunicazioni, in uscita il 6 aprile, e anticipata sul quotidiano online www.corrierecomunicazioni.it. ''La destinazione dello spettro radio, da cui tra l'altro lo Stato potrebbe ricavare consistenti risorse economiche, pero', non pare appassionare. Eppure, senza coinvolgere il tema frequenze, il confronto sulle Ngn rischia di rimanere monco - sottolinea il commissario dell'Autorità per le tlc -. Non a caso in Europa la tendenza e' quella di considerare in modo complessivo tutte le piattaforme della comunicazione elettronica assoggettando frequenze e reti di telecomunicazione a un regime di regole unitario che favorisca la competizione e l'accesso ai servizi''. In questo senso, spiega D'Angelo ''bisogna recuperare frequenze da chi ne ha in eccesso e riassegnarle attraverso un'asta competitiva. Il beauty contest non basta. E la gara deve essere aperta alla partecipazione anche di soggetti non detentori di frequenze analogiche: e' fondamentale per tutelare pluralismo e concorrenza. L'asta, inoltre, consentirebbe un introito significativo per le casse dello Stato''.
04/04/2009 11:15
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.