Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre: è il momento delle truffe
Rende noto la concessionaria pubblica: "Non ci sono tecnici o incaricati Rai autorizzati alla vendita porta a porta di decoder per il digitale terrestre".

In occasione dello switch over con il passaggio di Raidue sul digitale terrestre (nel Lazio, esclusa la provincia di Viterbo, da martedì 16 giugno), ci sarebbero state persone che, spacciandosi per incaricati della Rai, avrebbero tentato di vendere dei decoder. La Rai non ha dato alcuna autorizzazione e le persone che si presentano non sono quindi incaricati dalla Rai"
. E' questo uno degli effetti secondari della migrazione tecnologica, che certamente di qui a breve sarà aggravato dall'attività di improvvisati antennisti o da tecnici disonesti che mirano all'ignoranza tecnologica di una quota rilevante della popolazione per sviluppare una fenomenale opportunità di business illecito. Sul punto non sarebbe male se i principali operatori programmassero degli spot di sensibilizzazione sui possibili comportamenti scorretti che potrebbero manifestarsi nelle aree di prossimo switch-over e switch-off.
 
11/06/2009 12:26
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.