Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, errata corrige: switcha prima il Trentino dell'Alto Adige
Ci scrive un attento lettore a riguardo del comunicato stampa della Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige sulla prossima digitalizzazione televisiva del territorio da noi riportato ieri.
"In merito a quanto riportato sullo switch-off della regione Trentino-Alto adige vorrei precisare che sarà il Trentino il primo ad essere interessato dall'evento. Si parte infatti dal 15 ottobre con l'area ovest e poi a seguire fino al 27 con la città di Trento". Grazie della precisazione.
 
30/09/2009 06:14
 
NOTIZIE CORRELATE
Oggi, con il passagio al digitale della Sicilia, ultima regione rimasta, l'Italia dice addio alla televisione analogica. Lo afferma una nota del ministero dello Sviluppo economico, sottolineando che l'offerta e' aumenta da 10 a 75 canali nazionali.
Con delibera 180/12/CONS, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha approvato il piano provvisorio di assegnazione delle frequenze per il servizio radiofonico digitale terrestre nelle Province Autonome di Trento e Bolzano.
"Il sistema televisivo italiano, soprattutto quello locale, è allo sbando e gli imprenditori, da Nord a Sud, da quelli passati al digitale terrestre a quelli che si apprestano a farlo, sono esasperati dai numerosi adempimenti burocratici e dalle inefficienze delle Istituzioni che ormai hanno raggiunto livelli insostenibili nonchè inaccettabili".
Le emittenti televisive che operano nelle regioni Puglia, Basilicata e nelle province di Cosenza e Crotone dovranno iniziare lo spegnimento del segnale analogico, con la contestuale accensione di quello digitale, il 24 maggio per concludere le operazioni il 7 giugno prossimo.
Il Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento Comunicazioni ha pubblicato le risposte alle richieste di informazioni e chiarimenti ai sensi dell'art. 1 c. 6 della determina del D.G. della D.G.S.C.E.R. pubblicato nella Gazzetta ufficiale, 5^ Serie Speciale, Contratti Pubblici n. 34 del 21/03/2012.