Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre: il Trentino come il Piemonte occidentale. A due settimane dallo switch-off al danno si aggiunge la beffa
"Vi scrivo per porre l'attenzione su un problema comune alla maggioranza della popolazione trentina da quando si è completato il passaggio dall'analogico al digitale. Come potete leggere anche sul giornale locale "Il trentino" dal giorno dello switch-off i 3 canali RAI principali sono stati oscurati e non sono più ricevibili dalla maggior parte degli utenti (si fa riferimento a Rovereto, ndr).
Abbiamo provato a chiamare sia il numero verde del ministero, sia la RAI direttamente, ricevendo come uniche soluzioni la continua risintonizzazione dei decoder, cambiando nazione, fintanto che i canali RAI non appariranno assicurando invece che non ci sarebbe stato bisogno di interventi sulle antenne, in quanto la situazione era momentanea". Inizia così una email giunta oggi in redazione a riguardo della migrazione digitale trentina che il MSE-Com ed i principali player vorrebbero avvenuta in maniera "indolore". Sul punto, come si ricorderà, è stato denunciato un atteggiamento di scarsa copertura mediatica dei disagi che stanno subendo molti utenti RAI della Provincia Autonoma di Trento. "Oggi si scopre che il problema invece sono proprio le antenne e a quanto pare ci sarà bisogno di intervenire singolarmente, con costi di circa €300.00, che ovviamente graveranno sugli utenti stessi - continua la comunicazione, richiamando alcune considerazioni già esposte su queste pagine -  Non c'è bisogno di spiegare quanto questa situazione crei disagio, soprattutto trattandosi di un servizio pubblico che pubblicizzava il passaggio come "facile e senza spese" e per il quale si paga un canone annuo (che viste le circostanze dubito verrà pagato)". Si chiede retoricamente il mittente: "Vorrei sapere pertanto se vi è possibilità che le spese necessarie per ricevere un servizio pubblico verranno sostenute dalla RAI stessa, viste le false promesse fatte precedentemente allo switch-off". Voi che ne dite? (redazione@newslinet.it)
06/11/2009 09:31
 

Poi si dice che in Italia l'informazione è libera!

Sono migliaia gli utenti che lamentano di non poter più ricevere i canali di prima con il digitale terrestre. Eppure di questa lamentele sui giornali, sulle tv nazionali e locali non c'è traccia. Solo su Internet c'è qualche valvola di sfogo per gli utenti RAI che pagano il canone per non ricevere più nulla. Naturalmente è solamente un caso che chi sostiene che tutto va bene (perché le sue reti sono quelle che si vedono meglio, mentre quelle della concorrenza stanno annaspando) è anche controllore dei maggiori mezzi di informazione e della principale concessionaria di pubblicità italiana...
NOTIZIE CORRELATE
"Il  23  dicembre,  il  "regalo"  dell'editore   di   Trentino Tv   Graziano   Angeli   di   voler   licenziare   3 giornalisti. L'annuncio durante l'incontro con Sindacato Giornalisti del Trentino Alto Adige e Fistel-CISL".
Il 1° dicembre 1965 il periodico viennese "Stampa settimana", sotto il titolo "The Radio Pirates", annuncia che: "i combattenti per la libertà del Tirolo desiderano installare un canale segreto di essere attivi nel Nord e nel Sud Tirolo". Una bomba! La notizia viene prontamente diffusa dall'Austria Press Agency (APA) e ripresa da tutta la stampa austriaca e internazionale, creando un fortissimo disagio a Roma.
Il Ministero dello Sviluppo Economico avvia la procedura per l’assegnazione di diritti d’uso delle frequenze radio in tecnica digitale nella regione Trentino Alto Adige in conformità a quanto previsto dal Regolamento sulla nuova disciplina della fase di avvio delle trasmissioni radiofoniche terrestri in tecnica digitale, approvato dall’Agcom con delibera 567/13/CONS del 15 ottobre 2013.
Con la sentenza n. 3627/2013, il Supremo Collegio ha confermato l’annullamento ad opera del Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa, Sezione autonoma di Bolzano, di due delibere della Giunta Provinciale, una delle quali – la 1838/2010 - aveva previsto i requisiti di accesso alle provvidenze per l’editoria per le emittenti radiofoniche operanti nel territorio di pertinenza per l’anno 2009 e l’altra – la 2091/2010 – era stata adottata quale provvedimento consequenziale ai fini dell’approvazione della relativa graduatoria 2010.