Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre. In Val d'Aosta sarĂ  garantita, grazie a RAI, la presenza anche dei canali svizzeri e francesi attualmente presenti in analogico
Nella regione a statuto speciale dal 14 al 23 settembre 2009 termineranno definitivamente le trasmissioni analogiche, ma senza problemi per gli utenti delle Tv svizzera e francese. Sono già partiti da qualche settimana i lavori di adeguamento al digitale terrestre degli impianti RaiWay in esercizio sul territorio regionale, e ciò in adempimento del dovere di trasmettere entro il mese di settembre 2009 i programmi tv, solo ed esclusivamente in tecnica numerica. Da quel momento, tutti i valdostani dovranno quindi usare un decoder per guardare la tv. Questo cambiamento, che per ora consiste nella sostituzione dei trasmettitori e nell’adeguamento dei 73 impianti installati sul territorio regionale (43 di RaiWay e i restanti di proprietà delle Comunità montane) permetterà di potenziare anche la copertura del segnale e di arricchire l’offerta di contenuti proposta dalla sede regionale della Rai, grazie a nuovi format. Scompare così per sempre in Valle il segnale analogico e si apre l’era del digitale, con tutte le nuove opportunità garantite dall’interattività, nuovi servizi, migliore definizione del segnale, da un ventaglio di proposte innovative. Per spiegare come il Dvb-t rappresenti anche per la Rai un’importante avventura, si è svolta una conferenza stampa nella sede Rai di Viale Mazzini a Roma alla presenza, tra gli altri, del viceministro allo Sviluppo economico, Paolo Romani, del Presidente Rai Paolo Garimberti e del Direttore generale Mauro Masi. Oggetto dell’incontro, la presentazione della transizione al digitale in quelle regioni che si affacciano per la prima volta all’era “moderna della trasmissione del segnale televisivo”. I valdostani però, sono stati protagonisti di questa avventura già a partire dall’aprile del 2007, quando si ebbe la prima fase, cd. “switch over”, di Rai Due e Retequattro. Adesso ci sarà lo “switch off” definitivo fra il 14 e il 23 settembre 2009. A seguire, toccherà al Piemonte con le province di Torino, Cuneo e parte della provincia di Asti in Piemonte dal 24 al 9 ottobre; il Trentino dal 15 al 30 ottobre; l’Alto Adige dal 26 ottobre al 13 novembre; dal 16 al 30 novembre il Lazio, esclusa la provincia di Viterbo: dal 1 al 16 dicembre la Campania.  Secondo stime fatte dalla stessa Rai, già nel secondo semestre 2009 la tv sarà solo digitale, oltre che in Sardegna, in Valle d’Aosta, Campania, Trentino Alto Adige e in Piemonte, ed entro i prossimi due anni oltre il 70% della popolazione italiana passerà al digitale. In Valle d’Aosta il digitale estenderà ulteriormente la diffusione di un segnale già molto buona e ben al di là della copertura richiesta, con un’offerta di canali inizialmente più ampia sull’area centrale della vallata e progressivamente sulle altre valli. Non mancheranno perciò “France 2” ed il primo canale in lingua francese della SRG SSR idée suisse, i cui programmi saranno ospitati in un primo tempo sul Mux1 della Rai (che include Raiuno, Raidue e Raitre) così come previsto da accordi in fase di definizione tra Ministero, Rai e Regione. Sul fronte decoder, problemi non ce ne dovrebbero essere, data l’efficienza impiantistica prevista in tutta la Valle. Il Ministero e la Rai, da questo punto di vista, consigliano di acquistare quelli contrassegnati dal “bollino blu” che certifica da parte di DGTVi la buona ricezione dei programmi in chiaro, a pagamento e dei servizi interattivi. Le novità riguarderanno anche i contenuti dell’offerta Rai regionale, con un nuovo format globale, sulla salute, sanità e benessere rivolto ad un pubblico valdostano, affiancato da un altro analogo, ma più divulgativo e rivolto ad un pubblico internazionale.  (Paolo Masneri per NL)
21/05/2009 19:14
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
In attesa che si concluda la vicenda Premium, Vivendi deve risolvere i problemi in casa. Canal+, in calo nelle sottoscrizioni (492mila in meno nel 2016), è in rosso di quasi 400 milioni di euro.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Periodo nero per la media company francese Vivendi, sia dal punto di vista economico che da quello legale: il bilancio dello scorso anno non è andato affatto bene e, all’orizzonte, si profila la spinosa questione giuridica legata all’affaire Mediaset.