Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, numerazioni LCN, FRT: "Trovare per ciascuna regione un accordo tra le emittenti è illusorio"
"Nel Piemonte occidentale, all’indomani dello switch-off, si sono registrati decine di conflitti sulla pre-sintonizzazione che hanno causato confusione tra gli utenti e preoccupazione tra molte emittenti televisive, molte delle quali si sono ritrovate in posizioni inaccessibili del telecomando".
"La situazione potrebbe aggravarsi tra meno di un mese con lo switch-off del Lazio ed in particolare di Roma, prima capitale europea ad essere digitalizzata. Qui operano oltre 50 emittenti (in Campania circa 70) che si dovranno contendere le numerazioni più appetibili. I rischi sono alti. Chi non riuscirà a posizionarsi nel canale prescelto potrebbe ritrovarsi, per esempio, al numero 854. Per una piccola tv locale ciò potrebbe equivalere allo spegnimento". La Federazione Radio Televisione (FRT) torna così sulla esplosiva questione dei numeri LCN (sollevata da questo periodico, per primo, ben due anni fa e ad oggi irrisolta). FRT dà conto anche degli insuccessi sino ad ora ottenuti a riguardo dei tentativi di autoregolamentazione: "In questi anni diverse possibili soluzioni sono state proposte (...) per risolvere un problema di enorme importanza come quello dell’LCN, sul quale le tv locali si stanno giocando il loro futuro", ma "trovare per ciascuna regione un accordo tra le emittenti è illusorio. Tutti i tentativi di raggiungere un accordo fin qui fatti non hanno prodotto risultati apprezzabili. Al contrario si sono generati diversi conflitti sui quali l’Agcom sarà chiamata a pronunciarsi". Secondo la FRT, infatti, "con la delibera n.109/07/CONS, l’Agcom ha stabilito che nel proporre piani di ordinamento dei programmi, si dovrà tenere conto delle abitudini dei telespettatori e delle esigenze di semplicità di uso dell’apparato di ricezione della televisione digitale terrestre e applicare condizioni eque, ragionevoli e non discriminatorie nei confronti di tutti i fornitori di contenuti. L’ Autorità garantisce il rispetto delle condizioni di cui sopra, ai sensi dell’art. 42 comma 5 del Codice delle comunicazioni elettroniche, anche intervenendo, ove giustificato, di propria iniziativa. Nel pronunciarsi sui conflitti l’Autorità dovrà fissare dei criteri guida sulla numerazione da applicare all’ordinamento automatico dei canali offerti su piattaforma digitale terrestre". Una lettura che, come già scritto in precedenza, non condividiamo, in quanto, ex art. 29 bis c. 10 Allegato A delibera n 663/06/CONS, l'obbligo in capo ad Agcom di regolare la questione decorrerà all'indomani dell'attribuzione delle frequenze del cd. dividendo digitale. Fino ad allora, a nostro avviso, la competenza a conoscere dei conflitti spetta al giudice ordinario. Condividiamo invece con FRT sul fatto che "la regolamentazione dell’LCN è indispensabile per garantire la tutela degli interessi degli utenti e della concorrenza nonché utile per lo stimolo della domanda e dell’offerta".
26/10/2009 16:28
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.