Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre: parte l'azione collettiva del Codacons per non pagare il canone RAI
Il Codacons pubblica il modulo per chiedere la restituzione di un terzo del canone vista l'impossibilità di vedere un canale senza decoder.
L'operazione digitale terrestre sfocia in una iniziativa legale finalizzata ad ottenere la restituzione di una parte del canone Rai versato per l'anno in corso. Scrive il Codacons: "Come noto già alcune regioni italiane hanno dovuto dire addio a Rai2, canale passato dal sistema analogico a quello digitale. Altrettanto noto come, per la ricezione del secondo canale Rai (ma anche per Rete4), sia necessario acquistare un decoder, o un nuovo televisore dotato di decoder. Chi tuttavia non può o non vuole dotarsi di tale apparecchio, non potrà assistere alla programmazione di Rai2, pur avendo regolarmente pagato il canone Rai per l'anno 2009. A seguito delle numerose proteste giunte al Codacons, l'associazione ha deciso di avviare una causa collettiva in favore di quanti intendano chiedere la restituzione di un terzo del canone, in relazione all'impossibilità di vedere Rai2 senza decoder". Sul blog del presidente Codacons www.carlorienzi.it è stato pubblicato oggi il modulo da compilare e inviare all'Agenzia delle Entrate di Torino (che si occupa della riscossione del tributo) col quale si chiede il rimborso di un terzo del canone Rai. "La richiesta - spiega Rienzi - è essenziale ai fini di una futura azione legale collettiva da parte dei teleutenti senza decoder".
24/09/2009 16:33
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.