Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre, Retecapri durissima sull'irrisolta questione della numerazione LCN. Forti malumori tra gli editori locali verso le loro associazioni
Durissimo comunicato di Retecapri sulla questione dei numeri LCN, sulla quale probabilmente questo periodico ha speso più parole di chiunque altro. L'emittente di Costantino Federico: "prende atto che la problematica relativa alla numerazione dei canali nelle aree di switch over e switch off non è ancora stata risolta ed è, ad oggi, all’esame dell’Agcom. Chiaro è stato l’esempio rappresentato dalla regione Sardegna, area attualmente all digital dal 1° novembre 2008, dove non è stato regolamentato il posizionamento nella nuova guida elettronica dei programmi (EPG). Le attuali assegnazioni sono state effettuate con atti di imperio o di prevaricazione e sopraffazione lasciando che il MSE-Comunicazioni e l'Agcom permettessero ai soggetti monopolistici di occupare le migliori posizioni". Continua il network del Sud Italia: "Le prime posizioni, infatti, sarebbero prese dai soliti Rai, Mediaset e Telecom Italia Media; a seguire, un ristretto numero di emittenti locali, secondo accordi segreti che escludono la maggior parte delle tv locali. Da considerare, poi, che la numerazione non è a tre cifre e questo discrimina fortemente poiché le emittenti ad una cifra risulterebbero sempre più viste mentre le altre resterebbero relegate in fondo alla classifica e destinate, quindi, a scomparire dal telecomando". Retecapri ne ha poi anche per l'associazione Dgtvi (cui fanno riferimento player nazionali e associazioni di tv locali), rea di aver "proposto al Garante la numerazione ad una cifra", che sarebbe intollerabile per le tv locali e le nazionali minori. E, sul punto, va registrata obiettivamente la presenza di fortissimi malumori tra gli editori locali che pare stiano mostrando pesante insoddisfazione sulla modalità di gestione della questione da parte dei loro sindacati. Anche da qui la dura contestazione di Retecapri e, per essa, dell’associazione CNT - Terzo Polo Digitale, che "attendono una risposte dal Ministero e dall'Agcom onde affrontare ed eliminare le gravi situazioni di disparità e di illegittimità formatesi nel processo di passaggio al digitale terrestre". Chiude il comunicato la dichiarazione che "Resta ferma l'intenzione di Retecapri di riservarsi, in merito, tutte le ulteriori e opportune iniziative".
15/09/2009 16:22
 

E chiamateli "fortissimi malumori"...

Mi piacerebbe sapere cosa ci stanno fare quelli ai tavoli tecnici. A rappresentare gli interessi delle emittenti locali no di certo, visti i tragici risultati...

Gli LCN saranno la rovina delle emittenti locali

Intanto la beffa dei numeri LCN dimostra, ancora una volta e se mai ce ne fosse bisogno, che gli editori televisivi locali non riescono a mettersi d'accordo su nulla, nemmeno sulla divisione dei canali. Già perché tutti, anche quelli che fanno solo televendite, vorrebbero essere sui numeri 8, 9 e 10 (qualcuno pure sul 7). Così il risultano è che si troveranno sull'850. Complimenti.
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Andrà a Mediaset il canale 20, fino ad oggi in mano a Retecapri e che, come già segnalato nelle scorse settimane su questo periodico, era prossimo ad una vendita verso non meglio identificati acquirenti.