Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Digitale terrestre: riunione reti nazionali per manifestazione interesse canali tv. Un operatore chiede stessi canali di altri due. Ora l'impasse?
Si è tenuta oggi a Roma la riunione degli operatori nazionali per raccogliere le manifestazioni d'interesse per i canali per la costruzione delle reti sull'intero territorio italiano con tecnologia SFN.
La riunione era finalizzata ad individuare, per quanto possibile, una ripartizione delle risorse frequenziali condivisa da tutti, da sottoporre alla P.A. (in pratica i canali prescelti da ciascuno), onde evitare un'assegnazione dall'alto che avrebbe potuto determinare insoddisfazioni sfocianti in ricorsi giudiziari pericolosi per il rispetto dei termini della migrazione diffusiva da analogico a digitale. Come già anticipato su queste pagine, di massima le reti avevano già individuato una possibile spartizione dei canali impiegabili sull'intero territorio nazionale, compatibilmente con le assegnazioni all'Italia previste dal Piano di Ginevra. Sennonché, un operatore di primario spessore avrebbe avanzato (non si sa se a titolo di provocazione o sulla base di considerazioni tecniche) quattro canali identici a quelli di altri due (grandi) operatori, così determinando l'impossibilità di addivenire ad un accordo pieno. Ora, salvo riconciliazioni in extremis, il verbale con le manifestazioni d'interesse così raccolte verrà sottoposto alla P.A. di specie che dovrà decidere le assegnazioni effettive.
24/07/2009 17:50
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
A seguito di verifiche effettuate il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato gli elenchi aggiornati degli ammessi alla procedura di selezione comparativa per l'assegnazione delle frequenze in onde medie asincrone e sincrone prevista dalla Delibera 3/16/CONS.